06202019Gio
Last updateGio, 20 Giu 2019 10am

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners

Critici cinematografici crescono: Cardarelli porta gli esperti nelle scuole di Fermo

scuola cibsma415

Abbinamento anche con Internazionale, la rivista di geopolitica più letta in Italia, che porterà un suo documentario sul Venezuela che fa parte della rassegna ‘Mondovisioni’. “la speranza è di coinvolgere registi e attori".

FERMO – “Nuove generazioni formate all’arte, che sia musica, teatro o cinema”. Andrea Cardarelli esce dalla sala cinematografica ed entra nelle scuole vincendo un bando promosso da Miur e Mibact. “Un bando che abbiamo affrontato facendo rete. Il Ministero ci ha promosso e parte così ‘Assai Essai per la scuola’ e vive su quattro azioni”. Un film festival con giuria di studenti, in stile Giffoni in piccolo, laboratori per istituti superiori e medie, proiezioni di documentari e il festival Corto di Classe, che è alla terza edizione. “E il concorso è una delle soddisfazioni che porto con me” aggiunge subito l’assessore alla cultura Francesco Trasatti.

Hanno aderito il liceo classico Annibal Caro, lo Scientifico Tco, l’Iti Montani e la Fracassetti Capodarco. “Siamo già partiti con un primo film che coinvolge una classe quarta di ogni scuola. Gli alunni vengono formati con un laboratorio sul linguaggio del cinema e al termine della rassegna a fine maggio, in città proietteremo i film visionati dai giovani giudici che per l’occasione saranno introdotti dagli alunni, che fungeranno quindi da critici”. L’obiettivo è creare degli spettatori consapevoli visto che “il cinema è uno degli strumenti più immediati da abbinare all’educazione scolastica” ribadisce l’ideatore del circolo Metropolis.

Abbinamento anche con Internazionale, la rivista di geopolitica più letta in Italia, che porterà un suo documentario sul Venezuela che fa parte della rassegna ‘Mondovisioni’. “la speranza è di coinvolgere registi e attori. Alcuni già hanno aderito dandoci appuntamento via Skype, altri saranno presenti a maggio per il gran finale”. Sono coinvolte le due sale di Fermo, quella degli Artisti e Capodarco. “Per la scuola è una possibilità. Iniziativa di qualità e per una scuola che educa al linguaggio e all’espressione è fondamentale fornire strumenti oggettivi e critici per saper leggere anche il mondo della decima musa. Vogliamo dare nozioni tecniche ai nostri alunni, quindi abbiamo colto l’occasione per dare nuovi strumenti per capire la realtà”.

Rispetto al progetto del Liceo Artistico, Trasatti precisa: “Questo è un progetto più ampio, generale. È importante dare voce al cinema, dopo che questo comune ha puntato sul teatro e sulla lirica, dalla scuola di platea a Tir. Educhiamo il pubblico, accrescendo lo spirito critico. Siamo sempre più città della cultura”. Massimo Ciccola è il co-ideatore del progetto, in particolare di Corti di classe: “Siamo partiti dando sostegno al linguaggio scritto, alla sceneggiatura, per poi vedere come veniva tradotto in video. Ci rendiamo conto che i giovani usano dispositivi elettronici meravigliosi ma in modo molto limitato. Nei corsi che predisponiamo c’è anche la lezione di uso smartphone per regia, sapendo però che non ha profondità di campo e che quindi la sceneggiatura va scritta tenendo conto principalmente di primi piani”.

I laboratori sono affidati a esperti del settore marchigiani: Simone Paglialunga, Cristina Assouad e Gionata Arpetti e Caterina Marchetti. I film in programma: La donna elettrica (ambiente), Styx (razzismo), Un giorno all’improvviso (adolescenza), Interruption (anoressia), Dark Night (disagio giovanile), Colpevole (reale virtuale). Ai ragazzi il compito di dare un voto al film, voto alla regia, sceneggiatura, scenografia e montaggio. “Questo in diretta, ma finiti i sei film potranno rielaborare il loro giudizio” conclude Cardarelli.

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Pettinari: la mafia si combatte con piccoli gesti

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.