03252019Lun
Last updateLun, 25 Mar 2019 4pm

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

Iscriviti al nostro canale Youtube

Si vola al teatro delle Api con Cristicchi: un venerdì da tutto esaurito

Cristicchi MDVPU 202308

Il protagonista per molti è un "ritardato" da compatire, per alcuni un genio. Sicuramente è un tipo strano, che ama dipingere un mondo tutto suo, contare le lettere che formano le parole, camminare seguendo una sua indecifrabile traiettoria.

PORTO SANT'ELPIDIO - «Forse volare – scrive Cristicchi - significa avere il coraggio di buttarsi nella vita mantenendo intatto il bambino dentro di noi. E soprattutto non lasciarsi sfuggire la bellezza che ci circonda». Venerdì Simone Cristicchi, reduce dal successo di Sanremo, sarà al Teatro delle Api, nuovo appuntamento con la stagione disegnata da Neri Marcorè. Il teatro è già tutto esaurito, la conferma dall’Amat, e non ci si può stupire. Nessuno si vuole perdere il «Manuale di volo per uomo» in cui Cristicchi interpreta un quarantenne rimasto bambino: qualunque cosa guardino i suoi occhi - dal fiore cresciuto sull'asfalto, ai grandi palazzi - tutto è stupefacente, affascinante, meraviglioso.

Per molti è un "ritardato" da compatire, per alcuni un genio. Sicuramente è un tipo strano, che ama dipingere un mondo tutto suo, contare le lettere che formano le parole, camminare seguendo una sua indecifrabile traiettoria. In realtà, Raffaello è un "super-sensibile" e possiede poteri speciali: la sua mente fotografica mette a fuoco i particolari, i dettagli che sfuggono agli altri esseri umani, forse perché "niente è più grande delle piccole cose!". Nel racconto poetico e surreale del suo microcosmo, Raffaello descrive vicende minime ed universali del suo affollato quartiere, la grande città che fa paura, il paradiso della ferramenta dove tutto è catalogato alla perfezione. Lo spettacolo è scritto dal cantautore romano con Gabriele Ortenzi con la collaborazione di Nicola Brunialti. Le musiche e le canzoni inedite sono di Cristicchi e Ortenzi.

Cristicchi è stato anche il protagonista del Giorno del Ricordo organizzato dalal Regione Marche: "Credo che oggi ci sia una maggiore sensibilita' sul tema della tragedia delle foibe- continua Cristicchi-. Nel 2013 ci furono le prime contestazioni al mio spettacolo e il primo gesto di solidarieta' nei miei confronti venne dai senatori Pd. Fu un gesto molto importante. Quella delle foibe e' una storia che deve superare le ideologie. Purtroppo non puo' esistere una memoria condivisa perche' ognuno ha il proprio dolore e la propria visione dei fatti. C'e' anche chi parlava di revisionismo storico nei miei spettacoli ma non e' cosi'. Mi fa piacere che sia a livello istituzionale che nelle scuole si continui a tenere viva questa fiamma che non vuole rimettere in discussione valori come quello della Resistenza". 

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Ponte di Rubbianello: cinque anni di nulla dopo il crollo

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.