08162018Gio
Last updateMer, 15 Ago 2018 5pm

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners
VTEM Banners

Eventi

Servigliano travolta dall'energia di Caparezza e il 'Prisoner 709'

capa3
capa1
capa7
capa18
capa2
capa4
capa5
capa6
capa9
capa10
capa14
capa16

In 4500 presenti al Parco della Pace per il concerto del cantautore pugliese. Un inno alla libertà che impreziosisce il Fermano e una città che ha saputo scommettere sulla musica.

SERVIGLIANO - "Uno dei concerti più belli degli ultimi anni. quando la musica è divertimento ed intelligenza". Qualche giorno fa, con queste parole, su Instagram Fiorella Mannoia commentava il concerto di Caparezza che si era tenuto a Roma. Appena undici giorni dopo il tour "Prisoner 709" è sbarcato a Servigliano e i 4500 presenti al Parco della Pace non hanno potuto far altro che confermare l'impressione dell'artista romana. "Capa" ha regalato ai suoi "fan" due ore di spettacolo assoluto non solo ripercorrendo i brani dell'ultimo Cd, ma anche quelli che hanno fatto la storia della sua carriera musicale, seguendo il "filo" della libertà d'espressione, senza stereotipi e schemi. Ed è lo stesso cantante pugliese a richiamare l'attenzione immediatamente dopo i primi tre brani: "Durante il tour nei palazzetti avevamo lasciato i corvi soggiogati nel carcere mentale. Oggi siamo finalmente liberi in questo percorso che è un sequel che ci fa ragionare sul concetto utopico di libertà. Tutto, nella società, è cella e noi siamo intrappolati, schiavi dei nostri sogni, prigionieri del nostro ruolo auto-imposto o anche cucito da qualcuno su di noi". Canzone dopo canzone gli ascoltatori ragionano, riflettono saltando, ballando, cantando, esultando di fronte allo spettacolo pirotecnico che scorre via veloce (nell'arco di due ore) dal mega palco allestito per l'occasione, travolti da un'energia che solo Caparezza riesce a dare calcando il palco. Accanto a lui le voci della storica spalla, Diego Perrone e delle coriste, le scenografie poste in essere dai ballerini, i musicisti, i musicisti, le immense strutture create per l'occasione, capaci di offrire una "visione" che rende il "viaggio" sensoriale ancora più affascinante e coinvolgente. E il messaggio è arrivato forte e chiaro grazie ai testi e le parole graffianti dei brani. Da "Prosopagnosia" a "Larsen", passando per pezzi "esterni" come "Vengo dalla Luna", "Vieni a Ballare in Puglia" e "Fuori dal Tunnel" (dedicato proprio ai tanti presenti giunti da più parti della penisola). Non ci sono momenti di pausa e il crescendo di emozioni decolla letteralmente quando Caparezza "vola" sulla scopa cantando "Ti Fa Stare Bene". Il "bagno di folla finale" è un'apoteosi con i ringraziamenti che vengono divisi tra tutti i protagonisti. Ed un plauso lo merita il Comune di Servigliano che ancora una volta dimostra che la scelta di puntare sulla musica è premiante. Ottima l'organizzazione dell'evento con una macchina ormai rodata tra "bus navetta", parcheggi e viabilità per l'uscita al termine del concerto.

Aaron Pettinari

Foto Copyright Emanuele Di Stefano












VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Crolla il tetto su una classe dell'Iti Montani: vigili del fuoco in azione

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.