09262018Mer
Last updateMar, 25 Set 2018 11am

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners

Eventi

Il belvedere di piazzale Azzolino cornice di Jazz e non solo Jazz: il sabato sera ha un nuovo re

jnj5

“Programmazione di qualità e di livello. Un anno fa promisi la nuova piazza e oggi il contesto è nuovo ed elegante. Sono convinto che questo accresca il fascino della programmazione” sottolinea Francesco Trasatti.

FERMO – Se arriverete un’oretta prima, potrete sorseggiare uno spritz, mangiare una carbonara, un pezzo di pizza o un gelato mentre il sole si perde all’orizzonte. Magari seduti su una delle nuove panchine, oppure garantendovi un posto in prima fila grazie ai locali o semplicemente occupando una delle cento sedie che diventano la platea dell’esclusivo Jazz e non solo Jazz. Torna il festival che per cinque sabati diventa il re incontrastato di piazzale Azzolino a Fermo, location resa speciale dai lavori di riqualificazione appena terminati. Quattordicesima edizione con un cartellone di altissimo livello che parla a tutti, dagli amanti della tromba a chi si fa trascinare dalla bossanova o dalle melodie campane in attesa di una chitarra acustica e dell’immancabile jazz.

“Programmazione di qualità e di livello. Un anno fa promisi la nuova piazza e oggi il contesto è nuovo ed elegante. Sono convinto che questo accresca il fascino della programmazione” sottolinea Francesco Trasatti, assessore alla Cultura del capoluogo. Il sabato è il giorno del Jazz e lo sarà anche se piove, perché nel caso si apre la platea del teatro dell’Aquila. “Una rassegna che la città ama, che fa bene ai commercianti che la sostengono e a tutto il centro storico”.

Abbinare budget e qualità non è mai facile, soprattutto quando si vuole andare verso il pubblico: “Se ci riusciamo è anche perché Trasatti ci è vicino e con l’Amministrazione ha fatto uno sforzo in più” precisa Andrea Alfieri. Se il Comune e la Regione, “grazie ai consiglieri Malaigia e Celani” ribadisce il presidente Fabio Vitolo, sono i partner istituzionali, ci sono Solgas e Fondazione come main sponsor che affiancano tutte le attività, e non per nulla la presentazione come ogni anno è alla Locanda del Palio.

Il programma. Si parte il 7 luglio con un ensemble del Conservatorio e 20 musicisti che si esibiranno diretti da Mauro De Federicis per una ‘Softly Jazz musica at night’.

14 luglio. “Una chicca, un vero piacere a cui tenevo”. Arriva la chitarra di Joe Barbieri, cantautore napoletano che porterà bossanova e canzone italiana oltre a un nuovo lavoro che presenterà proprio in piazzale Azzolino.

Il 21 luglio Karima con Paolo Recchia al sax, rai migliori in Europa, per un concerto legato al XX secolo. “E’ anche il giorno della notte bianca” aggiunge Trasatti.

Il 28 luglio un quintetto guidato da Jim Rotondi, trombettista di primo livello, e l’imperdibile voce di Elisabetta Antonini.

Il 4 agosto chiusura affidata ai Camera Soul. “Per loro è un ritorno ma presenteranno il nuovo album Connection” chiosa Alfieri.

“Tutti musicisti di alto livello, non facile poetarli a Fermo” ribadisce il presidente Fabio Vitolo. “Abbiamo alzato lo standard qualitativo: sempre più jazz e non solo jazz, anche nelal sua programmazione”. Nuova piazza più ariosa, belvedere stupendo. “Tutto si abbina perfettamente a questa manifestazione” conclude Alfieri ricordando che il palco resta davanti all’albero di piazza, anche per una questione di acustica, e che ogni appuntamento è, come sempre, rigorosamente gratuito.

Raffaele Vitali

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Crolla il tetto su una classe dell'Iti Montani: vigili del fuoco in azione

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.