04212018Sab
Last updateSab, 21 Apr 2018 4pm

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

Eventi

E' l'ora giusta per andare a Fermo: mostra degli orologi, maghi, torneo di quidditch e presepi

roccopresepi

Imperdibile, ovviamente, la mostra die presi alle Piccole Cisterne. Una esposizione ricchissima che ha conquistato anche l’arcivescovo Rocco Pennacchio.

FERMO - Giornata clou sotto il Girfalco. È l’ora di entrare nelle sale dell’hotel Astoria (9.30-19) e perdersi tra lancette e quadranti di ogni tipo. Saranno presenti espositori tedeschi e svizzeri per questa nuova edizione della mostra mercato Orologi e Gioielli. Da non perdere la collezione che arriva direttamente da Vicenza con pezzi unici come gli orologi erotici, quelli da tasca, da campana e perfino da carrozzi. “Per i più curiosi, ecco l’occasione per cimentarsi con la propria intelligenza: ci sarà un orologio misterioso, nato da un monaco francese del 1860. Nessuno ha capito come funzioni tecnicamente. E per questo ci sarà un premio per chi riconoscerà il suo funzionamento” spiega Stefano Castori, ideatore della mostra. . ma non solo una visita statica, perché alle 10 e alle 1130 ci saranno due visite guidate per capire il funzionamento dei più importanti orologi della città, tra astronomia e meccanica. conclude Castori.

E se non vi piacciono i gioielli e gli orologi, potrebbero affascinarvi i fans di Harry Potter che arrivano da tutta Italia per il loro raduno annuale organizzato dall’associazione ‘Never Ends’. Mattina e pomeriggio, in piazzale Azzolino, vedranno volar da una parte all’altra i campioni di Quidditch, si esibiranno anche gli atleti che andranno ai mondiali. Dopo tato faticare, una pausa culinaria con il pranzo a base di stoccafisso al centro sociale Santa Petronilla. Poi, dalle 16, scuola di magia al caffè letterario dove imparare i segreti delle pozioni e imparare a realizzare incantesimi con le corde grazie a Ilmioeiltuo Eventi.

Imperdibile, ovviamente, la mostra die presi alle Piccole Cisterne. Una esposizione ricchissima che ha conquistato anche l’arcivescovo Rocco Pennacchio, che non ha voluto rinunciare al taglio del nastro del simbolo del Natale, realizzato dai maestri fermani, e non solo, in tante varietà. Un plauso al lavoro della pro Loco, guidata da mauro Nucci, che come ogni anno, tra sacrifici e impegno, è riuscita nel prezioso allestimento. 

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Fede, giovani e integrazione: i primi pensieri fermani di monsignor Pennacchio

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.