12112017Lun
Last updateLun, 11 Dic 2017 5pm

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners

Eventi

Miracolo di Natale: Fermo, P.S.Giorgio e P.S.Elpidio si promuovono insieme (video)

natale3

Promozione organica dei tre comuni in Umbria e nel nord delle Marche per le festività del Natale. “Fatto salvo le reciproche specificità, questo è un grande risultato che va verso una sinergia e di lavoro congiunto come mai in passato” prosegue Trasatti.

FERMO - Fatale fu un dinosauro. Perché l’idea di preparare un Natale comune è nata al taglio del nastro del parco dei dinosauri che fino a primavera darà vita alla zona nord di Porto San Giorgio. Non hanno avuto dubbi, “anche perché avevamo tre programmi molto diversi”, i tre assessori al turismo di fermo, Porto Sant’Elpidio e Porto San Giorgio. “Visibilità a ogni comune, è ovvio. Ma l’esigenza di fare qualcosa insieme era per tutti una priorità. Abbiamo cominciato con piccole cose, penso al carnevale congiunto con Porto San Giorgio o l’uso del trenino turistico. E con Porto Sant’Elpidio abbiamo iniziato una promozione comune in Umbria e facendo iniziative insieme per i centri sociali. Oggi saliamo di livello” spiega Francesco Trasatti.

Promozione organica dei tre comuni in Umbria e nel nord delle Marche per le festività del Natale. “Fatto salvo le reciproche specificità, questo è un grande risultato che va verso una sinergia e di lavoro congiunto come mai in passato” prosegue Trasatti. Dlla magia del capoluogo alla spiaggia di neve sangiorgese fino alla fatina Mia elpidiense.

Se sono seduti insieme è per la Camera di Commercio, che finanzia il progetto mediatico-comunicativo. Verranno distribuite 15mila brochure. Gubbio, Perugia, Bastia Umbria, periodici umbri e radio Subasio le tappe della promozione, oltre al nord delle Marche. “Chi riceve la cartolina chiama il numero di riferimento e può prenotare l’albergo per il fine settimana con pacchetti mirati” prosegue. La consegna è affidata a una ditta specializzata, “non li mettiamo sotto i tergicristalli”. “Quest’anno è una prova tecnica. Come Ataf – Federalberghi ci occupiamo di accoglienza, ma ci siamo sempre mossi con le nostre poche risorse. Con questa iniziativa abbiamo pensato a prezzi agevolati, perché siamo convinti che dobbiamo cogliere l’occasione per far conoscere il territorio” aggiunge Gianluca Vecchi.

“Una grande iniziativa. Da anni come balneare chiedo di fare sistema. Se Porto San Giorgio pensa che il turismo sia solo spiaggia è destinata a soccombere. Noi abbiamo un territorio magnifico, ma non sappiamo promuoverlo” tuona Riccardo Tarantini, vicepresidente dell’ente camerale. Servono però le strutture: “Troppe sono obsolete e abbandonate. perché non recuperarle e creare una nuova struttura in cui organizzare le manifestazioni”. Serve diversificare il turismo: “Per far vivere il commercio servono prospettive comuni. Noi come Camera di commercio sosteniamo iniziative, ma vogliamo prospettive più a lunga gittata” tuona Tarantini che alza l’asticella: “La superstrada di Civitanova è la svolta per la costa maceratese, ma a noi serve una Mare-monti, perché impiegare 90’ per scendere o salire sui Sibillini è inaccettabile. Che questa programmazione unita serva anche per ridare forza alla politica”.

Agroalimentare è la chiave, ma poi c’è la bellezza dei posti: “In questa promozione abbiamo puntato sugli eventi principali di ogni cartellone, inserendo anche una appendice sull’estate, in modo da creare un volano positivo” prosegue Elisabetta Baldassarri, assessore di Porto San Giorgio. “Questo è anche la prova che i comuni sanno usare al meglio le risorse”. Ancora meglio se sono della Camera di commercio come in questo caso.

Più turisti, più vendite, più commercio: “Dobbiamo capirlo, perché senza negozi avremmo solo città spente, visto che sono le vetrine dei privati che illuminano per 365 giorni l’anno le città” chiosa Giampiero Marcattili, assessore al Commercio di Porto San Giorgio. Guardando gli ultimi mesi, è Milena Sebastiani il primo motore di progetti comuni. Si è partito dal carnevale estivo e poi con la promozione a Foligno, che la cittadina elpidiense ha reso vincente partecipando anche a ‘I primi d’Italia’. “L’enogastronomia è un punto fermo. Possiamo lavorarci sempre meglio”.

In chiusura la nota amara di Tarantini: “Se passa la legge sull’accorpamento le conferenze stampa e i contributi li andrete a chiedere in Ancona”. Ma anche su questo il 2018, premiando l’unione che fa la forza sul territorio, potrebbe portare qualche sorriso in più per i fermani.

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Fede, giovani e integrazione: i primi pensieri fermani di monsignor Pennacchio

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.