09222017Ven
Last updateVen, 22 Set 2017 6pm

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners

Eventi

Risate solidali al Marche Comedy Record: le incredibili 12 ore di Macchini in piazza del Popolo

macchinirecord
macchinirecord1
macchinirecord2
macchinirecord3
macchinirecord4

Impressionante la performance fisica dell’attore, barrette e bibite la sua alimentazione, ma incredibile anche la risposta del pubblico. E non era scontato. (fotogallery)

di Raffaele Vitali

FERMO – Apre e chiude con il suo volto, con le mani che si muovono nell’aria, con il personaggio da cui tutto è partito: il mimo. Piero Massimo Macchini è stato incredibile. È salito sul palco alle 11 del mattino, puntuale. Ma un’ora prima era già in piazza del Popolo a spostare le sedie. Perché aveva un record da battere, ma prima aveva un allestimento da completare assieme alla squadra de La Grù. Un gruppo straordinario quello che si muove sotto la regia di Priscilla Alessandrini.

Fossero una squadra di calcio, Macchini sarebbe il 9, la punta, il bomber, l’uomo copertina. Ma lo sa bene Macchini che oggi non ce l’avrebbe mai fatta da solo ad essere alle 23 ancora sul palco. Non ci sarebbe riuscito a portare a compimento il Marche Tube Record senza il compagno di reparto, Michele Gallucci. perché se Macchini ha superato i limiti umani, Gallucci ci è andato vicino.

Non sono neppure mancati dei ‘vaffa’ tra i due super amici, perché quando ogni momento è scandito dal tempo, basta che uno anticipi due battute e l’altro si ritrova con i pantaloni abbassati dietro le quinte e un cambio d’abito non completato. Ma lì viene fuori l’improvvisazione e l’ironia risolve tutto.

Incredibile la performance fisica dell’attore, barrette e bibite la sua alimentazione, ma incredibile anche la risposta del pubblico. E non era scontato. Almeno non il vedere centinaia di persone alle 11 del mattino, centinaia nelle calde ore di una domenica assolata in cui il mare era il richiamo di Ulisse, centinaia alle 23 per il lungo applauso all’uomo dei record: l’elpidiense Pizzi. Eh sì, il record, racconta Daniela Gurini, impeccabile voce della giornata, è di un elpidiense capace di raccontare due giorni fa una barzelletta per bene dodici ore. Attonito Macchini, ma si sa, la beffa per il comico è sempre dietro l’angolo.

Scherzano sul palco per “la sorpresa” annunciata da Macchini alla presentazione: “Non riuscirò a fare il record”. Ma in realtà lui lo aveva già raggiunto dopo sei ore quando aveva dimostrato che la sua città lo ama. Come lui ama il Fermano e il territorio ferito dalle scosse del terremoto a cui è dedicata questa lunga giornata.

Quando dopo una mezz’ora di duo con Gallucci Macchini verso le 22.45 si siede davanti allo specchio e inizia a truccarsi, si capisce che il finale sarà agrodolce. Come si conviene a un mimo, come si conviene a un comico che ama anche far pensare. Perché ridere fa bene e fa superare i momenti più difficili, ma l’attore ha troppe sfaccettature per non far emergere anche un filo di dolce malinconia.

Nel successo de La Grù c’è anche quello delle attività commerciali. Alle 21 il cibo era finito quasi ovunque, trovare un pezzo di pizza era diventato il gioco della serata. Sul palco, alla fine, davanti a una enorme scritta Record sfilano tutti i protagonisti che hanno affiancato gallucci nel corso delle 12 ore. Dai Jump it a Catà, dalla chitarra di Brando Alessandrini a Paolo Figri, dai Sub Limen a Pamela Olivieri.

Ognuno ha messo il mattoncino, inclusi i tanti sponsor che hanno creduto in questo folle progetto e l'Amministrazione, in piazza sindaco, vice, assessori e consiglieri, che ha dato il suo supporto. Difficile dire cosa abbia fatto più ridere gli spettatori. Ma la parodia di Iginio Straffi resta uno dei pezzi più riusciti. A Macchini, oltre la certezza di avere un fisico incredibile e una memoria quasi perfetta, resta in mano un format di successo. Che non si ferma qui, che prosegue su Youtube e che prosegue fino al 2018 nella raccolta fondi per poter regalare la possibilità di frequentare uno o più master in economia e management a studenti provenienti dal cratere sismico. “Non è il record del mio ego, ma il record di una regione che deve a tempo di record ritrovare serenità nelle persone. E ci riusciremo se le Istituzioni agiranno in tempo record per la ricostruzione”. Grazie Macchini, un nuovo record già ti attende in compagnia di una grande Grù.

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Terremoto, un anno dopo ho i corpi davanti agli occhi

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.