Eventi

Il fermano Di Bonaventura fa rivivere con sei concerti il tango di Astor Piazzolla

danieledibo

Compositore-arrangiatore, pianista-bandoneonista, Di Bonaventura ha collaborazioni che spaziano dalla musica classica a quella contemporanea, dal jazz al tango, dalla musica etnica alla world music, con incursioni nel mondo del teatro del cinema e della danza.

FERMO – Sei concerti nel segno di Astor Piazzolla. Seiconcerti per far rivivere la musica del tango, dolce e violenta, sprezzante e appassionata. Sei concerti, cinque nelle Marche e uno in Abruzzo che vedono protagonista, insieme all'ensemble d'archi dell'Orchestra filarmonica marchigiana, uno dei più grandi interpreti contemporanei di bandoneon: il fermano Daniele Di Bonaventura.

Compositore-arrangiatore, pianista-bandoneonista, Di Bonaventura ha collaborazioni che spaziano dalla musica classica a quella contemporanea, dal jazz al tango, dalla musica etnica alla world music, con incursioni nel mondo del teatro del cinema e della danza.

Il primo appuntamento con Tango Suite è per mercoledì 19 aprile al Teatro Valle di Chiaravalle. E siccome non sarà un conerto come gli altri, prima di iniziare ci sarà una lezione: ‘A ragionar di musica’, quindici minuti di riflessioni, informazioni e curiosità sul concerto. In programma, oltre al brano che dà il titolo alla serata, di Astor Piazzolla, composizioni di Gregorio Villoldo, di Carlos Gardel e dello stesso Di Bonaventura che illustrano la storia del tango.

Dopo Chiaravalle, la Form e Di Bonaventura si esibiscono a Teramo, per tornare nelle Marche venerdì 21 aprile, al Teatro Lauro Rossi di Macerata. Altri appuntamenti sono lunedì 24 al Teatro Gentile di Fabriano, mercoledì 26 al Pergolesi di Jesi e lunedì 8 maggio nell'Aula Magna dell'Università Politecnica delle Marche, per la rassegna Form-Off.