12122017Mar
Last updateLun, 11 Dic 2017 8pm

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners

Eventi

A Fermo prendono vita anche carte e numeri: grande we con Mercante e Tombola viventi

tombolavivente

Le associazioni organizzatrici (Amici di Piazza e Famo Cose), di comune accordo hanno deciso di devolvere i proventi del gioco per l’acquisto di materiale per il gruppo fermano, protagonista attivo degli ultimi eventi sismici.

FERMO – Sempre più viva Fermo, a tal punto che anche carte e numeri diventano umani e protagonisti. Oggi è il giorno dell’antipasto, del Mercante in Fiera a Piazzetta dove alle 17 carte giganti animeranno il centro. Quaranta le carte da comprare, dal lattante alla gondola, dal bersagliere ai classici “funghi e carote”, sperando che la propria sia una di quelle che restano coperte fino alla fine e quindi vincitrici dei relativi premi. Uno dei quartieri più colpiti dagli eventi sismici, vuole così rispondere attivamente partecipando agli eventi natalizi nel comune di Fermo per far si che uno dei cuori pulsanti della città torni a battere più forte di prima. La grande attesa è però per domani von oltre 90 figuranti in costume pronti a prendere posto sul cartellone gigante che sarà allestito per il più classico dei giochi natalizi, per l’occasione in versione “vivente”.

Tanti i numeri classici, presenti fin dalla prima edizione: il numero 1, l’Italia, è dedicato al Sindaco e vedrà per la seconda volta protagonista Paolo Calcinaro, sempre confermato il numero 6, la Befana all’ironica Maria Antonietta Di Felice, come il numero 50, la guardia, al comandante dei vigili urbani Antonio Dell’Arciprete, il 33, gli anni di Cristo, va a don Michele e il numero 25 Babbo Natale, al consigliere Luigi Rocchi. Anche tra i piccoli, c’è chi per il terzo anno consecutivo conferma il suo personaggio: Edoardo Capancioni e Alberto Cardinali (i funghi) e Riccardo e Tommaso De Piazzi (gli elfi). Anche quest’anno nuovi costumi, che si vanno ad aggiungere a quelli delle scorse edizioni: ci saranno lo spazzolino, il Pokemon, la frutta, l’aquila e...la protezione civile. Si, perché le associazioni organizzatrici (Amici di Piazza e Famo Cose), di comune accordo hanno deciso di devolvere i proventi del gioco per l’acquisto di materiale per il gruppo fermano, protagonista attivo degli ultimi eventi sismici.

Tra i figuranti anche il Presidente del Consiglio Lorena Massucci (in un ruolo non solo istituzionale ma anche di creatrice di numerosi costumi), gli Assessori Torresi (lo specchio), Ciarrocchi (il faro), Luciani (il balcone fiorito) e numerosi consiglieri comunali, ma soprattutto tanti fermani e non che per un giorno hanno voglia di “giocare” vestendosi da libro, moka, tazzina, albero di natale,…Ci sono ancora a disposizione pochi costumi, e chi volesse partecipare può contattare Cristina al numero 331 4085670.

Sul palco a presentare l’evento, reso possibile grazie alla collaborazione del Comune di Fermo patrocinatore dell’evento ed ai numerosi commercianti del centro storico, che hanno contribuito con premi e buoni, Gaia Capponi e da Francesco Capodaglio. Appuntamento dunque domenica 18 dicembre alle 17 a Piazzale Azzolino, per giocare insieme contribuendo ad una buona causa.

redazione@laprovinciadifermo.com 

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Fede, giovani e integrazione: i primi pensieri fermani di monsignor Pennacchio

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.