08172019Sab
Last updateSab, 17 Ago 2019 4pm

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners
VTEM Banners

Inquinamento, se lo conosci lo eviti. Centraline sui pali della luce e biometano, Fermo lo affronta così

convegnomedici0

Inquinamento, ambiente e salute. Tre parole per un confronto tra medici nella sala convegni dell’Ordine dei Medici con i massimi esperti dalle 8.30 di sabato mattina.

di Raffaele Vitali

FERMO – Inquinamento, ambiente e salute. Tre parole per un confronto tra medici nella sala convegni dell’Ordine dei Medici con i massimi esperti. “Punto sulla formazione, che voglio su più livelli. Per questo con noi il comune, l’assessore all’Ambiente, e l’Asur. È partito un progetto sulle onde elettromagnetiche in Comune, per cui abbiamo ritenuto giusto partire da lì per parlare di prevenzione” spiega la dottoressa Anna Maria Calcagni, presidente dell’Ordine.

“Il quinto articolo del codice deontologico assegna la funzione del controllo al medico, anche a livello di sensibilizzazione, non solo del medico” precisa snocciolando il programma che è arricchito in apertura, domani mattina alle 8.30, dalla lectio di Furio Honsell, un matematico ex rettore dell’Università di Udine. E poi si parlerà di cambiamenti climatici, affidati al climatologo Fazzini, “che sempre più influenzano la salute”. Un passaggio sarà dedicato anche all’attenzione che cresce verso l’ambiente tra i giovani. Poi nel pomeriggio si affronteranno le patologie correlate all’inquinamento di diverso tipo con i dottori Pela (inquinamento atmosferico), Dallari (inquinamento acustico), Verdecchia (campi elettromagnetici) e Fabbrizi. “Quest’ultima è una pediatra in prima linea con i colleghi nello studiare le relazioni tra inquinamento e salute del bambino. Presenterà i dati sul Fermano”.

Alla voce inquinamento, il Comune ha inserito numerosi interventi. L’assessore Alessandro Ciarrocchi ribadisce: “I cittadini sono sempre più sensibili, penso al controllo sugli impianti. Esempio pratico: il 7 maggio torna in consiglio la variante al piano delle antenne. Abbiamo inserito una forma di controllo remoto, via centraline, nei siti più sensibili. I cittadini potranno accedere al sito del comune e verificare ogni ora la forza delle onde. Ci siamo resi conto che il cittadino per essere sereno vuole sapere. Grazie all’efficentamento della pubblica illuminazione riusciremo a inserire questi rilevatori. Partiamo con quattro posizione: Santa Caterina, cappuccini, Tirassegno e cimitero. Massima attenzione, proveremo a portare qualche dato al convegno”.

Serve parlare delle varie forme di inquinamento e serve farlo in relazione alla salute. Lo sottolinea il dottor Ciarrocchi che dirige il dipartimento di prevenzione del Murri: “Un convegno importante. il concetto di salute si è modificato. Non è più assenza di malattia, ma benessere fisico e sociale dell’individuo. Salute è stare bene anche nell’ambiente in cui mi trovo. È intersettoriale, anche con le istituzioni”. Importante partire dall’ambiente. “Che correlazione c’è? Dobbiamo riparare a errori e sbagli del passato che sono monitorati e mappati a livello nazionale. Servono politiche mirate e dobbiamo imparare a investire nella tecnologia. Le polveri sottili sono un fattore, anche se noi stiamo in una zona felice, tranne che nei giorni di nebbia tra Porto San Giorgio e Porto Sant’Elpidio”. L’inquinamento da traffico veicolare è alla base di asme, bronchiti e poi tumori. Lo stiamo affrontando investendo sull’elettrico, con diesel meno inquinanti, con il metano. “Ricavare il biometano, come sta facendo il comune di Fermo è un passo verso la rivoluzione ambientale. Non credo invece nel produrre energia dalle colture, dagli scarti sì. Usiamo fonti energetiche che non inquinano o quantomeno riducono impatto ambientale, ricavarle dai rifiuti è ideale o usando scarti di lavorazione. Guardiamo avanti, al futuro”. E di questo di parlerà domani nella lunga giornata di studio e ascolto nelal sede dell’ordine in corso Cefalonia.  “Questa sede è funzionale per la città, un nuovo punto di interesse. Il convegno arriva in simultanea con le prime istallazioni di centraline. Noi vorremmo arrivare alla possibilità di monitorare per ogni cittadino la sua città. Insomma, noi ci siamo non solo a livello teorico. Il nostro brand marchigiano è il vivere sano e Fermo deve esserne un modello”.

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Pettinari: la mafia si combatte con piccoli gesti

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.