04252019Gio
Last updateGio, 25 Apr 2019 8am

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners
VTEM Banners

La carica dei cinquemila visitatori: il Natale fa bene ai musei di Fermo

sala mappamondo

Due luoghi che hanno permesso a Fermo di raddoppiare le visite del 2017: 5mila presenze in poco più di un mese stando al report dell’assessore alla Cultura Francesco Trasatti.

FERMO – Nord e centro Italia (Piemonte, Lombardia, Veneto, Toscana, Liguria, Lazio): arriva da qui il turista che ama i musei di Fermo. Almeno durante il Natale, dove non sono mancati gli stranieri, m all’italiano resta il target ideale per cisterne romane e sala del mappamondo. Due luoghi che hanno permesso a Fermo di raddoppiare le visite del 2017: 5mila presenze in poco più di un mese stando al report dell’assessore alla Cultura Francesco Trasatti.

Se in duemila hanno scelto il Mappamondo, in 1700 hanno comprato un biglietto per scendere nelle grotte del capoluogo. Ha funzionato anche l’iniziativa Escape room alle cisterne che ha raccolto 100 partecipanti. Il boom c’è stato tra fine e inizio anno, quando 16 gruppi organizzati, era un via vai di pullman che hanno testato l’area di piazza Dante, hanno scelto Fermo. “La ripresa è sempre più forte. Un anno fa i dati delle presenze erano drogati dalla presenza degli sfollati, per cui è inutile cercare il negativo in qualcosa che invece ha solo di che essere felici” commenta il sindaco Paolo Calcinaro.

Che molto deve a Trasatti e Mauro Torresi, i due componenti di Giunta che sul Natale hanno lavorato in prima persona. “Il cartello è piaciuto, ma oltre alle tante attrazioni che hanno richiamato pubblico anche da fuori Provincia, il programma è andato di pari passo con la ricca offerta museale di Fermo che è stata molto apprezzata: ai turisti è risultata particolarmente funzionale la formula del biglietto unico (Cisterne Romane, Teatro dell'Aquila, Sala Mappamondo e Adorazione dei Pastori del Rubens, Chiesa di San Filippo, Musei Scientifici a Palazzo Paccaroni) e l'organizzazione delle visite guidate”.

Un pienone dietro l’altro, dal gospel al duomo al Christmas Carol a teatro fino al capodanno in piazza, per non parlare della casa di Babbo Natale, tornata nelal perfetta location del tunnel, e della mostra Intanto. “Sappiamo presentarci agli occhi del territorio con una veste ed un’immagine diverse, nuove, coinvolgenti, richiamando molti giovani anche da fuori, segno dell’attenzione che abbiamo per Fermo ed il voler far star bene anche chi viene a Fermo. Un successo collettivo, con un plauso in più agli uffici comunali che già stanno pensando al programma primaverile che sarà, come sempre, ricco e per tutti i gusti, a conferma che Fermo è…per tutte le stagioni”.

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Ponte di Rubbianello: cinque anni di nulla dopo il crollo

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.