04232018Lun
Last updateDom, 22 Apr 2018 7pm

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

Rotonda a San Tommaso in cambio di un centro commerciale, il 'no' unisce la politica

Consiglieri Comunali 2

“Il “costo zero”, siamo certi, prevede il solo costo di realizzo della rotonda, tralasciando i costi dei servizi: la raccolta dei rifiuti, l’illuminazione pubblica, i costi ambientali dovuti alla continua cementificazione, la perdita di valore degli immobili dovuti al continuo costruire nuove abitazioni".

FERMO – Zona san Tommaso, direzione Paludi. Il comune di Fermo pensa di avere trovato la gallina dalle uova d’oro: il privato che in cambio di una ‘piccola’ trasformazione, ovvero poter fare di un campo di terra un centro commerciale, realizzerebbe una bella rotonda. Una gallina dalle uova d’oro, ma per chi? I dubbi montano, soprattutto a livello politico, in attesa di conoscere le modalità tecniche di realizzazione.

“Che un privato proponga una soluzione, che comporti cubature per un nuovo polo commerciale, aree pubbliche e soprattutto private è senza dubbio in linea con le sue aspettative. Siamo certi, tuttavia, che queste non siano le aspettative della cittadinanza e che non si possa proprio parlare di costo zero” sottolineano i consiglieri del Movimento 5 Stelle, Mochi e Temperini.

Il dubbio che aleggia anche il mondo dei Democrats è perché far fare a un privato qualcosa che costerà 400mila euro, anche se il comune parla di oltre un milione per la realizzazione dell’opera. La Regione sarebbe pronta a contribuire, agevolando il lavoro di Provincia e amministrazione comunale. Se solo venisse chiesto. Ma il progetto, che serve per ridurre i rischi di incidente e agevolare il traffico, è un altro sul tavolo.

“Il “costo zero”, siamo certi, prevede il solo costo di realizzo della rotonda, tralasciando i costi dei servizi: la raccolta dei rifiuti, l’illuminazione pubblica, i costi ambientali dovuti alla continua cementificazione, la perdita di valore degli immobili dovuti al continuo costruire nuove abitazioni. Tutto questo in mancanza di un piano del traffico che permetta di valutare e progettare una viabilità che risponda alle reali necessità del territorio e dei suoi abitanti” ribadiscono i 5 Stelle che sono pronti a dire no in ogni modo al progetto scellerato. E mai come in questo caso la sintonia tra i consiglieri di opposizione attuali è stata così alta.

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Fede, giovani e integrazione: i primi pensieri fermani di monsignor Pennacchio

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.