11212017Mar
Last updateMar, 21 Nov 2017 1pm

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners

La rotonda di Molini Girola entro l'estate sarà costruita. Accordo: pagano Comune, Provincia e Regione

rotatoriagirolavita

Una delle due strade è gestita dall’Anas, ma di proprietà della Regione: “Abbiamo mandato in modo formale il progetto e chiesto una compartecipazione alla spesa. Sono contento che il Comune prenda già posizione da un punto di vista economico”.

di Raffaele Vitali

FERMO – Secondo step per la rotonda di Molini Girola. Ed è quello decisivo dopo lo studio di fattibilità fatto dalla Provincia. “Secondo il piano della Provincia servono 150mila euro, di cui 110mila di costi veri e altri di tasse e company. Quindi un budget ragionevole” spiega Nazareno Vita, a nome del Comitato, che ribadisce: “Noi abbiamo sollevato il problema con 1301 firme, c’è la bozza di progetto della Provincia, ora bisogna andare avanti”. E gli step successivi li spiegano Aronne Perugini, Fabrizio Cesetti e Paolo Calcinaro.

Primo protagonista. “Con l’ingegner Pignoloni abbiamo realizzato uno studio di fattibilità che abbiamo già presentato all’Anas, che è gestore della strada. È questo il primo screening. Già sono stati fatti alcuni rilievi” esordisce il sindaco di Fermo (VIDEO). “Confermo che su questi ordini di spesa, anche se non è di nostra competenza ma essendo un punto nevralgico della viabilità, un impegno, se questo sarà la spesa, lo prenderemo. Garantisco un terzo del budget e nel mentre con 50mila euro asfalteremo via Salvemini, che è ridotta molto male”.

Secondo protagonista è Aronne Perugini, consigliere provinciale: “Lo studio di fattibilità ci ha fatto capire il costo e ci ha permesso di parlare con l’Anas. Un costo sostenibile per una rotatoria funzionale. Se la cifra diventa un terzo, con molti sacrifici in un modo o nell’altro troveremo i fondi. Anche se prima dobbiamo chiudere il Bilancio”. Una delle due strade è gestita dall’Anas, ma di proprietà della Regione: “Abbiamo mandato in modo formale il progetto e chiesto una compartecipazione alla spesa. Sono contento che il Comune prenda già posizione da un punto di vista economico”. Risorse in primis, poi c’è la convenzione tra gli Enti in cui si definirà chi guida i lavori e infine l’appalto: “L’obiettivo è chiudere la parte tecnica entro dicembre” ribadisce Perugini su pressione di Vita.

Terzo protagonista è l’assessore Fabrizio Cesetti: “Intervento necessario e utile per la sicurezza oltre che per lo snellimento del traffico. È evidente che il sindaco ha interesse a quest’opera, anche a metterci il cappello. Bene ha fatto la Provincia a preparare lo studio di fattibilità per delineare i percorsi. Credo che dopo un piccolo accordo di programma la Provincia potrà guidare la parte tecnica, come fatto in passato per la rotatoria di NeroGiardini e quella della Ciip. La Regione farà la sua parte, anche se la strada è stata data in service all’Anas”.

È fatta: un terzo per uno e la rotatoria si farà. “Sempre servirà l’ok dell’Anas” conclude Cesetti che ribadisce che verrà finanziata anche la prima parte della Mare –monti in accordo con il presidente Luca Ceriscioli. “Se non ci sono intoppi (Anas inclusa, ndr), per l’estate avremo la rotatoria” è la chiosa dell’assessore regionale per la gioia dei sottoscrittori della petizione.

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Terremoto, un anno dopo ho i corpi davanti agli occhi

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.