05252018Ven
Last updateVen, 25 Mag 2018 6am

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

Iscriviti al nostro canale Youtube

Zacheo e Rossi per una volta compatti: "Vendita della Solgas, che errore"

comune di fermo

Da Io Scelgo Fermo di Zacheo alla Fermo Migliore di Massimo Rossi, per una volta coese, piovono solo critiche sulla gestione dell’iter amministrativo di Calcinaro.

FERMO – Provvedimenti attesi, per certi versi scontati, perché i numeri erano a favore, in modo schiacciante, della maggioranza targata Paolo Calcinaro. Poteva essere l’occasione per condividere un atto importante, come la vendita del 49% del gioiello della città di Fermo, la Solgas, ma alla fine è andata diversamente. Da Io Scelgo Fermo di Zacheo alla Fermo Migliore di Massimo Rossi, per una volta coese, piovono solo critiche sulla gestione dell’iter amministrativo di Calcinaro.

Io Scelgo Fermo

“Sindaco e maggioranza non hanno alcun rispetto del Consiglio Comunale e delle rappresentanze politiche della città. Pensiamo alla vendita della Solgas – sottolinea Giampiero Marziali, segretario della lista di Zacheo - laddove, senza un criterio logico e coerente, e soprattutto senza attendere i successivi e determinanti passaggi in Consiglio, la maggioranza ha inteso approvare la scissione della stessa società. Ora avremo la Solgas srl e la Solgas Immobili, con quest’ultima che, anziché gestire gli immobili, dovrà anche occuparsi della gestione dei rifiuti e della discarica. Attività questa che già svolge la Asite, l’altra società partecipata dal Comune di Fermo. Ma la legge attuale obbliga gli enti a sopprimere le società comunali che svolgono attività similari. A Fermo, invece, ne creiamo due gemelle” un percorso quindi che nasce zoppo secondo l’opposizione: “E se non si dovesse approvare la fusione delle due società? Ci terremo due società preposte ad analoghe attività. Peraltro, la Solgas Immobili è una società piena di soli debiti, non in grado di vivere autonomamente in quanto priva di flussi economici in entrata. Quali saranno dunque i successivi passi per garantirle vita futura?”.

Fermo Migliore

“Non vi è alcun preconcetto ideologico nella nostra contrarietà al modo in cui l’Amministrazione comunale, con l’avallo del PD e della destra, ha deciso di vendere metà delle quote della società Solgas. Ma obiezioni di merito e di metodo visto che la Solgas è un patrimonio dei cittadini, non una dépendance del Sindaco di turno”. Chiedevano un coinvolgimento della città gli esponenti della sinistra in Consiglio, della semplice partecipazione. “Si sarebbe ad esempio potuta tentare un’aggregazione consortile di soggetti pubblici, con logiche meno improntate alla mera ricerca del profitto, quasi sempre a scapito dell’utenza, dell’ambiente e dei lavoratori dei servizi. Invece, nel finto decisionismo di una fretta di far cassa, la parziale privatizzazione della nostra società di vendita del Gas, senza neppure prevedere tra i criteri di individuazione del partner il peso della compagine pubblica nel suo assetto societario, rappresenta, nel merito e nel metodo, una sconfitta per i cittadini e per la democrazia”. Rossi e company riconoscono grande responsabilità al Pd, per la gestione passata in cui non si è lavorato affinché si “aggregassero le società esistenti nei tre comuni tra loro confinanti: Fermo, Porto San Giorgio e Monte Urano, evitando almeno di andare in ordine allo sbaraglio sparso al cospetto del mercato. In questa ottica, l’attuale Amministrazione non ha avuto né il coraggio né la lungimiranza di rompere questo cerchio ideologico del “dio mercato”, e di chiamare la città a sostenere scelte per il bene comune e per restituire a Fermo anche il ruolo di laboratorio territoriale di scelte innovative e coraggiose; cioè il ruolo di capoluogo”.

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Crolla il tetto su una classe dell'Iti Montani: vigili del fuoco in azione

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.