08212017Lun
Last updateLun, 21 Ago 2017 7am

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners
VTEM Banners

Calcinaro ascolta i contrari e va avanti: "Vendo la Casina per dare un futuro alla città"

casinold

“Quando si parla di bando di gestione con ristrutturazione dell’edificio è bene ricordare a tutti quanti che ben due bandi furono tentati negli anni 2013 e 2014. Risultato? Nemmeno una singola manifestazione di interesse".

FERMO - “La “nostra” Casina: quanto la sentiamo nostra in quelle condizioni? Pensiamo di poter sottrarre risorse alle tante esigenze della Città per un investimento pubblico sull’immobile? Parliamo di fondi europei senza saperne tempo, esito, possibilità o quantità?”. Tre semplici domande alla base del pensiero di Paolo Calcinaro, il sindaco di fermo che domani in Consiglio comunale darà il via all’iter che porta all’alienazione della Casina delle rose, l’albergo da oltre un decennio abbandonato che domina la città.

Da quando è stato calendarizzato l’appuntamento, si sono susseguite presentazioni di progetti alternativi al percorso pensato dal Comune. “Con un grande rispetto leggo di opinioni avverse sul tema della alienazione: opinioni che rispetto, soprattutto quando, invece di enunciare dei secchi “no” senza fornire alternative costruttive”. Ma oltre a questo, l’avvocato primo cittadino non va nei confronti degli oppositori. “Quando si parla di bando di gestione con ristrutturazione dell’edificio è bene ricordare a tutti quanti che ben due bandi furono tentati negli anni 2013 e 2014. Risultato? Nemmeno una singola manifestazione di interesse da parte dei privati ed il perché rimane ovvio: chi si prenderebbe l’onere di una ristrutturazione milionaria (perché per riqualificare veramente il bene si parla di un alto investimento) per avere poi come prospettiva la restituzione all’Ente dell’immobile decorsa qualche decina di anni? Nessuno”.

Da qui la decisione che non ha nulla a che vedere con la necessità di fare cassa. Almeno questo sostiene il sindaco: “Il motivo è il rilancio di una città che è stanca, e fiaccata, dalle “non scelte”. Dare una prospettiva turistica a Fermo (anche con le nuove strutture espositive e museali che stiamo realizzando), capire che questo può portare economia nella città specie verso chi si affaccia ora verso un durissimo mondo del lavoro, capire che una interazione con il privato oggi  - con un Pubblico che ha limiti di risorse notevoli rispetto alla passata “età dell’Oro” della spesa pubblica – può essere una risorsa per Fermo (guardiamo la fondamentale operazione portata avanti da Enrico Bracalente sulla nostra città) e per il suo sviluppo e futuro”.

GLI AMBIENTALISTI

I CONSIGLIERI ROSSI E TORRESI

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Molotov contro i vigili di Fermo, il sindaco: "Chi sa, parli"

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.