04252017Mar
Last updateMar, 25 Apr 2017 11am

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners

Acqua pura dai tubi e strade più sicure con la rotonda sulla Valdete: ecco l'azienda Ciip targata Alati

rotondaciip
rotondaciippolitica

La neo presidente della Provincia Moira Canigola era affiancata dal suo predecessore Aronne Perugini e dal consigliere Stefano Pompozzi: “A loro va il plauso, quello che io tengo a ribadire è la necessità di fare rete tra Istituzioni".

di Raffaele Vitali

FERMO – “Le opere dell’uomo devono servire per migliorare la vita delle persone. Questo è quanto chiede Dio alla vita”. Monsignor Lusek è arrivato da Roma per benedire la nuova rotonda che rende più sicura la Valdete. Un’opera viaria realizzata dal Ciip guidata da Pino Alati, il presidente Fermano di una società pubblica che unisce 59 Comuni, principalmente in provincia di Ascoli.

“Questa è un’opera che va oltre le barriere, che dimostra di come il Ciip si muova quando c’è bisogno di un intervento, a prescindere dal luogo” sottolinea Alati. Impostazione confermata da Stefano Stracci, presidente dell’Ato che al Ciip eroga risorse e impegni politici: “Un giorno di rilancio e speranza, questa è un’opera bella e funzionale. Un’opera corale”. Una rotonda nata dall’intesa tra più enti, a cominciare dalla Provincia di Fermo, titolare della strada, che ha messo a disposizione spazi, così come il Comune di Fermo che ha espropriato delle aree attorno all’incrocio per permettere la realizzazione, che è stata pagata dal Ciip 90 mila euro. “Una lavoro bene fatto, in tempi rapidi, merito dei tecnici della Provincia, degli operai e della ditta Gi.An che ha realizzato i lavori”. Ditta che incassa i complimenti anche del presidente di Confindustria Edili, Stefano Violoni, presente al taglio del nastro assieme ai vertici politici del territorio per ribadire l’importanza di far lavorare aziende locali, “rapide efficaci e puntuali nei lavori”.

La neo presidente della Provincia Moira Canigola era affiancata dal suo predecessore Aronne Perugini e dal consigliere Stefano Pompozzi: “A loro va il plauso, quello che io tengo a ribadire è la necessità di fare rete tra Istituzioni. Deve diventare un metodo di azione, un modo di operare da tenere in mente prima d’iniziare ogni percorso, soprattutto in un territorio piccolo come il nostro. Oggi brindiamo alla sicurezza stradale che cresce”. Ed è vero, lo ribadisce anche il sindaco di fermo, Paolo Calcinaro, perché si corre su quel rettilineo e ora l’incrocio che porta a Santa Caterina sarà più sicuro: “Questa rotonda è la punta dell’iceberg di quello che fa la Ciip per Fermo. Penso ai tanti cantieri aperti per migliorare il sistema fognario della città. Prossima tappa dei lavori sarà proprio la zona di Salvano”.

Per tutti un plauso particolare ad Alati, il presidente fermano che guida un ente interprovinciale. “Bisogna superare i campanili” chiude strappando il sorriso monsignor Lusek: “San Francesco parlando dell’acqua la definiva umile, preziosa e casta. In tanti sin sono chiesti cosa significasse casta. Nulla più che pura, pulita, trasparente, non inquinata. E questo fa la Ciip, questo oggi celebriamo: una società fatta di tanti campanili che però sanno suonare le campane assieme”.

@raffaelevitali 

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Fermana, invasione di gioia in sala stampa

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.