07242019Mer
Last updateMar, 23 Lug 2019 3pm

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners
VTEM Banners

Il Tirassegno è di Fermo. Calcinaro: impegno preso e mantenuto

notatio Tir2

Trasferimento di proprietà che consente così all’Ente Comunale di poter portare a termine il progetto di valorizzazione dell’area (che comprende immobili, aree verdi, aree gioco e parcheggi) già avviato dal Comune.

FERMO - La proprietà dell’area “Ex Poligono – Tiro a segno” di Fermo passa dopo mezzo secolo dallo Stato (Demanio) al Comune. Ieri davanti al notaio Alessandro Rocchetti la firma dell’atto fra le parti che ha sancito l’importante trasferimento, alla presenza del Sindaco Paolo Calcinaro, dell’assessore al patrimonio Alessandro Ciarrocchi, del Dirigente al Patrimonio del Comune di Fermo Saturnino Di Ruscio e di Caterina Micossi dell’Agenzia del Demanio. Trasferimento di proprietà che consente così all’Ente Comunale di poter portare a termine il progetto di valorizzazione dell’area (che comprende immobili, aree verdi, aree gioco e parcheggi) già avviato dal Comune, progetto di valorizzazione presupposto alla base del passaggio dallo Stato all’Ente Locale.

“Un momento storico perché, dopo oltre mezzo secolo, tutto quel complesso del Tirassegno, fondamentale per il quartiere e per la città, passa dallo Stato al Comune – ha detto il sindaco Paolo Calcinaro -. Un lavoro portato avanti con il progetto di valorizzazione già in atto, interventi di rilievo condotti dal Comune, in fase di ultimazione proprio in questi ultimi mesi e settimane che vanno avanti da tanto tempo. C’è grande soddisfazione, da oggi il Tirassegno è territorio comunale, un gran bel risultato come sanno bene gli abitanti del quartiere, le associazioni, la contrada, un impegno preso e assolutamente mantenuto”.

La firma di ieri è stato l’ultimo atto di un lungo iter avviato nel 2011 e che ha visto negli ultimi anni, in particolare nel 2017 l’approvazione e la firma della bozza del progetto nell’ambito di alcuni tavoli tecnico-operativi, bozza di accordo cui a novembre sempre del 2017 il Consiglio Comunale aveva dato il via libera. Un progetto che aveva visto un consenso generale da parte dell’intera civica assise nel corso della quale erano stati messi in luce i benefici per il quartiere e per l’intera comunità cittadina di questo accordo che, dopo un lungo stallo, si è sbloccato consentendo all’Amministrazione Comunale di poter eseguire interventi attesi e necessari per rendere totalmente fruibile l’intera area.

“Il quartiere aspettava da tempo questo momento, la partecipazione e il sostegno di molti residenti alle varie fasi di questo lungo iter lo conferma in maniera evidente – ha detto l’Assessore al Patrimonio Alessandro Ciarrocchi. Un importante risultato di cui andare fieri e di cui va dato merito alla tenacia dell’Amministrazione Comunale tutta ed all’Ufficio Patrimonio, rappresentato dal Dirigente Di Ruscio, che ha lavorato incessantemente per superare tutti gli ostacoli burocratici”.

Progetto di valorizzazione in fase avanzata: dopo il primo stralcio già eseguito con il rifacimento del muro di contenimento del campo da calcio, stanno per volgere al termine altri interventi che l’Amministrazione Comunale ha già avviato in questo senso, come ad esempio la ristrutturazione dell’immobile d’ingresso dell’area ed i lavori del campo da calcetto.

Il programma di interventi riguarda appunto anche la manutenzione e la riqualificazione delle aree scoperte, il tutto propedeutico ad adibire gli spazi per poter realizzare attività didattiche, culturali, sociali, sportive, ricreative e di svago. L’obiettivo è quello di riqualificare l’intera area dando ad essa i requisiti per essere polifunzionale e di qualità, favorire un utilizzo ampio degli spazi, delle strutture, dei percorsi dell’area verde, incentivare la fruizione con la partecipazione della popolazione alle varie attività.

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Pettinari: la mafia si combatte con piccoli gesti

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.