05252019Sab
Last updateSab, 25 Mag 2019 1pm

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

Iscriviti al nostro canale Youtube

Il Tar dà ragione alla Provincia: corretta la gara per la variante Molini. Steca e Violoni al lavoro

asfalto cantiere

Una gara che aveva visto vincitrici le imprese fermane Stava e Violoni. Si erano opposte le ditte Facciolini-Mgg-F&I, riunite in un’Ati, avanzando una serie di dubbi.

FERMO – Variante Molini Girola, si parte. Il Tar ha respinto il ricorso riguardante la procedura di gara indetta dalla Provincia di Fermo per “l'affidamento dei lavori denominati Realizzazione innesto SP n. 204 Lungotenna e SP n. 239 Fermana/Faleriense - Collegamento Strada del Ferro”. Una gara che aveva visto vincitrici le imprese fermane Steca e Violoni. Si erano opposte le ditte Facciolini-Mgg-F&I, riunite in un’Ati, avanzando una serie di dubbi. Il Tar delle Marche, invece, con sentenza ‘non definitiva’ respinge e dà così la possibilità alla provincia di stipulare il contratto con l’Ati vincitrice, 5 mesi dopo la chiusura dellaa gara.

Su uno dei punti chiave del ricorso, il Tar è stato chiaro: “La valutazione delle offerte tecniche è avvenuta secondo il criterio del “confronto a coppie”. Tale criterio, come già affermato da questo Tribunale, rappresenta un procedimento valutativo che non richiede una specifica motivazione riguardo ai punteggi attribuiti da ciascun commissario nei singoli confronti, risultando a tal fine sufficiente il solo punteggio numerico preferenziale espresso tra il valore minimo e quello massimo (cfr. TAR Marche, 2/1/2018 n. 6 e giurisprudenza ivi richiamata”. Si chiude così la partita, che resta aperta solo su un punto del ricorso, da qui il ‘non definitivo’, che non inficia la gara ma serve solo a fare ulteriore chiarezza a livello di giurisprudenza. Si parla di ‘comunicazione tra le parti’ dei vari passaggi. Il Tar non si è pronunciato in quanto lo stesso tema è al vaglio della Corte costituzionale. Non appena ci sarà il pronunciamento, il Tar concluderà l’iter e deciderà anche la ripartizione delle spese legali, al momento sospese.

Appena firmato il contratto, partiranno gli 810 giorni, tempo in cui Steca e violoni hanno garantito di realizzare l’opera che vale 3,5 milioni di euro. Soddisfatta la Provincia, guidata dalla presidente Moira canigola, che ha subito creduto nella correttezza della gara svolta e si è affidata all’avvocato Andrea Galvani, mentre le due ditte erano difese dallo studio Ranci.

Raffaele Vitali

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Ponte di Rubbianello: cinque anni di nulla dopo il crollo

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.