Elezioni provinciali, Marcozzi dritta alla meta. Lista già presentata con Catalini e Del Vecchio

Jessica Marcozzi

I dubbi sulla lista della Marcozzi sono sfumati già questa sera, visto che la lista è stata depositata, addirittura con 12 ore di anticipo.

di Raffaele Vitali

FERMO – Una cosa è certa: Jessica Marcozzi ha carattere. Elmetto in testa e baionetta in mano si prepara alla battaglia. È partita da sola, forte del suo ruolo dentro Forza Italia e non ha esitato: lista alternativa al blocco di centrodestra che il sindaco Paolo Calcinaro aveva assemblato. Gruppo tra l’altro da cui lo stesso primo cittadino di Fermo è uscito per lasciare il posto a Eleonora Luciani, consigliera di maggioranza, che rappresenterà Fermo nel nuovo consiglio provinciale insieme a Cristian Falzolgher.

Tornando alla Marcozzi, fino all’ultimo non si capiva se sarebbe riuscita o meno nel suo intento e se avrebbe resistito alla tentazione di tornare nei ranghi del gruppone. Invece, eccola schierare nomi di primo piano che potrebbero riservarle più di una gioia. Obiettivo 1 consigliere per la capogruppo in regione del partito di Berlusconi. C’è chi sostiene che abbia anche già l’accordo con la lista di centrosinistra, quella targata Pd, per una delega in caso di successo. Soprattutto se a entrare non sarà Carlo Del Vecchio, per lui il Pd è come il rosso per un toro, ma il dottor Catalini. Se loro due sono i cavalli di razza, nella lista spicca anche Laura Cognigni, che è il nome che fa pensare a un mancato accordo con il Pd, visto che è stata la candidata contro Moira Canigola a Monte Urano, comune dove si voterà tra qualche mese. A meno che le provinciali non siano la prova per un futuro riavvicinamento tra Pd e FI che fronteggi l’asse gialloverde.

I dubbi sulla lista della Marcozzi sono sfumati già questa sera, visto che la lista è stata depositata, addirittura con 12 ore di anticipo. Con lei anche il centrosinistra ha presentato la sua squadra, rischiosa visto che per non creare tensioni future deve assolutamente eleggere sei persone, altrimenti uno tra Aronne Perugini e Pierluigi Malvatani resterà fuori. Sempre che Porto San Giorgio faccia il suo dovere, cosa complessa visto che Catalini sarà in difficoltà nel non votare il fratello, così come Bisonni nel non votare la lista della Sinistra. Che è pronta, proprio poche ore fa sono state completate le firme di sostegno. Obiettivo di Marrozzini e Rossi, supportati dall’esterno da Peppino Buondonno, è quello di eleggere l’avvocatessa. Servono tanti voti, ma potrebbero esserci soprese anche all’interno della maggioranza di Fermo quando si arriverà allo spoglio.

Soluzione auspicata dai piccoli è 5 al mondo Pd, tre al centrodestra, 1 alla Marcozzi e 1 alla Sinsitra. Soluzione auspicata dal centrodestra è 5 Pd, 4 Cdx, 1 Sinistra. Soluzione auspicata dal Pd è 6 Csx, 3 centrodestra e 1 Marcozzi. il 31 ottobre, non va dimenticato che è un mercoledì e per votare bisogna andare in provincia, il verdetto.