06212018Gio
Last updateGio, 21 Giu 2018 7am

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

Iscriviti al nostro canale Youtube

"Ascoltare per crescere". Confindustria cala gli assi al Teatro dell'Aquila: Boccia, Marenzi e il francese Nicolet

mariani melchiorri boccia

Appuntamento a giovedì 7 giugno alle 17, quando il teatro di Fermo diventerà il cuore del mondo imprenditoriale. “Siamo pronti al decollo” ribadisce Mariani.

FERMO - “Saper ascoltare è fondamentale per un imprenditore. Ognuno di noi può trovare spunti per migliorare la propria azienda” sottolinea Simone Mariani, presidente di Confindustria Centro Adriatico. È nata così la prima assemblea pubblica dell’associazione che ha unito Fermo e Ascoli sotto u unico aquilotto. Appuntamento a giovedì 7 giugno alle 17, quando il teatro dell’Aquila diventerà il cuore del mondo imprenditoriale. “Siamo pronti al decollo” ribadisce.

Un pomeriggio per sentirsi ‘Protagonisti del futuro’, dal titolo dell’assemblea che avrà in Vincenzo Boccia, presidente nazionale di Confindustria, l’ospite d’eccezione al termine di una intensa giornata in cui numerosi saranno gli spunti. “Ci sono molte cose da fare, soprattutto in un momento come l’attuale, che definisco di transizione, fra una crisi che viviamo e una ripresa che non ancora rileviamo. Per questo abbiamo deciso di guardare al futuro in maniera unitaria, mettendo ognuno le proprie competenze a disposizione dell’altro” sottolinea Giampietro Melchiorri, vicepresidente vicario di Centro Adriatico.

L’assemblea pubblica è il coronamento di un percorso durato mesi, durante i quali sono state costruite le linee politiche e quelle associative, con l’interazione dei servizi e l’accorpamento dei dipendenti. Confindustria è tonata protagonista su più tavoli e soprattutto ha ritrovato una sintonia maggiore anche con agli artigiani, ricreando a livello locale, di certo nella zona Marche sud, una vera lobby imprenditoriale.

“Se vogliamo poter usare la parola crescita dobbiamo puntare sullo sviluppo industriale. Ma dentro la parola crescita non ci sono solo valori economici. Per vincere la sfida servono dimensioni più grandi, serve un salto culturale con una maggior attenzione alla formazione e agli investimenti in tecnologia. Serve – ribadisce Simone Mariani – fare squadra. Questo è un percorso obbligato che come Confindustria abbiamo voluto intraprendere unendo due forze complementari. Due territori in cui il made in Italy e l’innovazione sanno correre di pari passo”.

Emergerà questo durante la tavola rotonda, condotta dalla giornalista di Rai 1 Barbara Capponi, in cui si confronteranno Jaques Nicolet, presidente di Hp Composites Srl, Massimo Barazzetta – Vice Direttore Generale Banca Popolare di Spoleto S.p.A., Antonio Nastasi – Amministratore Delegato di Elantas Europe S.r.l.; Adriana Santanocito – Co-founder Orange Fiber; Piermatteo Ghitti – Ad Barone Pizzini Franciacorta.

“Parleremo di meccanica, di agroalimentare, di riutilizzo delle materie prime, di credito e infine ci immergeremo nel settore della moda, che riveste un ruolo chiave nella nostra associazione, attraverso due momenti: prima l’analisi dei dati con lo studio del prorettore dell’Università Politecnica delle Marche, il professor Gregori, e poi con le azioni delineate dal presidente di Confindustria Moda, Claudio Marenzi” prosegue Mariani.

L’assemblea è aperta alla città: “Abbiamo scelto il Teatro dell’Aquila proprio per mandare un segnale forte anche a chi non è associato: Confindustria Centro Adriatico è presente e vuole esserlo sempre di più per far crescere questa parte di Marche fatta di Pmi, aziende famiglia e multinazionali. Di fronte abbiamo molte sfide: la ricostruzione, il rilancio dell’export, la formazione e le affronteremo agendo anche sui tavoli della politica e delle Istituzioni per migliorare leggi e azioni”.

@raffaelevitali

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Crolla il tetto su una classe dell'Iti Montani: vigili del fuoco in azione

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.