05212018Lun
Last updateDom, 20 Mag 2018 8pm

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

Iscriviti al nostro canale Youtube

Tod's, bilancio approvato e debutto del nuovo Ad Macchi. Della Valle: "Cambio epocale". Crescono i dipendenti, dominano le donne

dellassembleaok

Si parte dai ricavi, 963,3 milioni, dal calo del 4,1% e dall’utile netto di 69,4 milioni di euro, che garantisce 694mila euro per il fondo di solidarietà che permette lo sviluppo di numerosi progetti.

di Raffaele Vitali

SANT’ELPIDIO A MARE – “Questo e il prossimo anno saranno molto importanti per il nostro gruppo”. Così apre la relazione finanziaria annuale Diego Della Valle di fronte agli azionisti della Tod’s Spa riuniti nel quartier generale di Casette d’Ete. Tante sfide che il gruppo affronta sapendo di dover ambiare il proprio storico modello di business. “Per farlo abbiamo scelto nuove figure professionali” aggiunge Diego Della Valle presentando ufficialmente agli azionisti il nuovo Amministratore delegato Umberto Macchi di Cellere.

Si parte dai ricavi, 963,3 milioni, dal calo del 4,1% e dall’utile netto di 69,4 milioni di euro, che garantisce 694mila euro per il fondo di solidarietà che permette lo sviluppo di numerosi progetti. 233 azionisti in rappresentanza di 25milioni 292mila azioni (76,34%) sono arrivati per votare il bilancio e rinnovare il Cda per il triennio 2018-2020. Agli azionisti vanno 1,4 euro

Crescono le spese per il personale, 191.5 milioni contro i 186,2 del 2016, “per l’aumento degli organici finalizzato a una crescita della rete distributiva e agli oneri pagati per il cambiamento dei manager”. A fine anno i dipendenti sono 4.627, con una crescita di 142 persone. Il 46% dei dipendenti lavora in Italia e il 64,2% sono donne. Il lavoro è stato incessante durante il 2017 per mantenere le fette di mercato e cercare di recuperarne, in particolare nell’area della Cina. Sono state spediti prodotti finiti per 9mila e 400 tonnellate, con un aumento del 6%. Alla fine dell’assemblea il bilancio passa con il voto favorevole del 98,91% del capitale sociale presente, contrario è stato lo 0,19%, non ha votato lo 0,8% mentre si è astenuto lo 0,07%.

Alla fine, come sempre, prende parola Diego Della Valle, che in libertà abbandona i numeri e parla dell’azienda come di un figlio: “Nella lettera che ho inviato agli azionisti racchiudo tutto il percorso per avere una azienda forte e tonica per anni. Nel nostro mondo sta cambiando tutto: il modo di comunicare, di relazionarsi delle persone, dei consumatori. Cambiata la velocità, nuova specifica di rapporto. Una grande opportunità, ma anche un grande lavoro da fare in fretta per non rimanere indietro perché oggi la velocità è un fattore chiave, prima le rendite di posizione le tenevamo per decenni, oggi se dormi per due stagioni perdi il mercato. Lavoriamo con consapevolezza”.

Crede nei suoi marchi: “Godono di rispetto e prestigio. Mai avrei pensato trent’anni fa di poter parlare direttamente con la signora che compra un mio prodotto. E invece oggi è così, per questo stiamo programmando un business produttivo differente”. Non facile, perché c’è da cambiare il modo di produrre, “che non è più semestrale, perché la tempistica è ormai mensile” ribadisce Della Valle che vuole dire quanto prima ‘missione compiuta’.

Affronta anche il posizionamento dei marchi: “Servono figure nuove, che non significa migliori di chi c’era prima, ma diverse nel modo di fare”. il 2018 è un anno quasi rivoluzionario: “Ci lasciano persone storiche, con cui abbiamo condiviso le scelte delle nuove figure manageriali. Parlo del dottor Sincini. Non devo dirgli tante cose, perché parlarne è per me è complicato. Io, lui, Andrea e Macellari siamo stati gli artefici di quello dove siamo arrivati pensare che si possa restare molto amici e magari prepararsi a fare qualcosa di divertente insieme è il coronamento”.

E ora Macchi: “Lo abbiamo scelto in mezzo a tanti. Avere un Ad che viene “da fuori” non è un fatto irrilevante e abbiamo cercato una persona che oltre alle caratteristiche tecniche ne avesse di umane a noi affini. Andare di corsa, fare tutto bene rispettando l’azienda, le persone che ci lavorano e i valori base di una famiglia. Sono certo che con lui proseguiremo al meglio il lavoro. E presto risponderà anche sui numeri”. E risponderà al nuovo Cda: Diego e Andrea Della Valle (presidente e vice presidente), Vincenzo Manes, Luigi Abete, Maurizio Boscarato, Silvia Dalmasso, Romina Guglielmetti, Emanuele Della Valle, Umberto Macchi di Cellere (che sarà amministratore delegato), Emilio Macellari, Cinzia Oglio, Pierfrancesco Saviotti, Emanuela Prandelli, Marilù Capparelli e Gabriele Del Torchio, che è il nome presentato dalla lista presentata dal socio di minoranza Global Luxury Investments (3% del capitale).

Passaggio finale alla famiglia Tod’s: “Questo è davvero un cambio epocale. Siamo in borsa, rispettiamo il mercato, accettiamo i consigli. Guardiamo le trimestrali, ma non ci preoccupiamo perché lavoriamo per rendere un’azienda forte domani e non solo a tre mesi. E questo che diciamo noi come famiglia siamo certi che lo pensino anche gli azionisti che in noi hanno sempre avuto un ottimo investimento” conclude Diego Della Valle. Una domanda, a sopresa, alal fine la pone uno degli azionisti sul futuro di Della Valle stesso e l’e-commerce: “Il web per noi è un aspetto chiave, copre il 5% del fatturato. Di suo è una meraviglia, ma va trattato bene perché non possiamo far perdere la magia ai prodotti. E magia è nel prenderli in mano. Per quanto mi riguarda, dove volete che vado, abito aa 300 metri” conclude con il sorriso mister Tod’s.

@raffaelevitali

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Crolla il tetto su una classe dell'Iti Montani: vigili del fuoco in azione

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.