04202018Ven
Last updateGio, 19 Apr 2018 7pm

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners

Contraffazione, il male della manifattura. Melchiorri, Confindustria: "Fermiamo la Cina"

melchiorri mariani

"E' ora di aprire gli occhi, visto che la contraffazione intacca tutti: dai gioielli all’agroalimentare, che è con la moda una punta di diamante del nostro distretto, dalla meccanica ai cappelli” ribadisce Melchiorri.

FERMO – “Di fronte a un quadro normativo internazionale pieno di buchi, c’è un avversario che gioca completamente senza regole: la Cina. La totale mancanza di tutele ci lascia scoperti e indifesi. Qui però deve intervenire il Governo italiano, in primis, chiedendo il rispetto delle norme, minacciando, ma con credibilità, anche il blocco delle importazioni. Sentiamo parlare ogni giorno sulla stampa dei dazi di Trump, ma non dell’assenza di valore del copyright in Cina, che dal laccetto al macchinario riesce a riprodurre quello che noi creiamo esportandolo ovunque nel silenzio”. Giampietro Melchiorri, vicepresidente vicario di Confindustria Centro Adriatico, non usa mezze parole e manda un messaggio chiaro alla politica, “deve agire”, e agli imprenditori, “dobbiamo unirci e combattere il mondo del falso”.

A scatenare la reazione del numero uno degli industriali, quanto accaduto a una artigiana di Montegranaro che pochi giorni fa si è trovata di fronte un paio di scarpe che sembravano prodotte nella sua azienda. Quasi le stesse caratteristiche. Perché poi le differenze ci sono. Ma intanto il compratore è stato truffato: è il mondo della contraffazione. “L’ultimo caso di cronaca avvenuto in Inghilterra, che ha coinvolto suo malgrado un calzaturiero fermano, è la riprova di quanto sia importante tutelare il proprio marchio, il nostro brand” prosegue Melchiorri, che aggiunge: “In attesa di una tutela a livello europeo, con il riconoscimento del made in, ci sono però strumenti a disposizione delle imprese che troppo spesso non vengono utilizzati. Come Confindustria siamo impegnati da tempo nel supporto dei nostri associati in questo settore. Ci sono gli strumenti per difendersi, il punto è conoscerli”.

Made in e contraffazione sono due questioni diverse che però spesso si incrociano, perché è proprio il prodotto frutto del genio italiano il primo a subire copie che danneggiano in maniera irreparabile il sistema. “Il gesto dell’imprenditrice di Montegranaro di consegnare un paio di scarpe vere al cliente truffato a Londra è la prova della serietà dei calzaturieri. Ma non può essere la linea di azione”.

L’Italia è lo stato europeo maggiormente interessato al fenomeno del falso, con quasi 7 miliardi di euro all’anno di mancate vendite e 100 mila posti di lavoro andati in fumo. Un mondo che sottrae tasse, 1.7 miliardi in meno, e che influenza il mercato a tal punto che secondo il Censi sono almeno 18 i miliardi rubati al settore dalla contraffazione. “Abbigliamento e accessori risultano i settori più colpiti dal fenomeno: si stima che il valore del falso sul mercato legale sia del 32,5% del totale. Per cui è ora di aprire gli occhi, visto che la contraffazione intacca tutti: dai gioielli all’agroalimentare, che è con la moda una punta di diamante del nostro distretto, dalla meccanica ai cappelli” ribadisce Melchiorri.

Di fronte a questo quadro bisogna rivolgersi a esperti capaci di tutelare le idee dell’imprenditore, di seguire il percorso commerciale attraverso la tutela della proprietà industriale e intellettuale: dall’etichettatura alla registrazione del marchio o brevetto, diversi sono gli step da eseguire al meglio. “Quello del falso e della contraffazione è un tema trasversale, che riguarda numerosi settori. Chiaro che il nostro sia uno dei più colpiti. Per questo – conclude – porteremo la questione al Tavolo per lo Sviluppo provinciale, in modo da valutare azioni comuni con gli artigiani, sindacati e politica. Non è una battaglia che si vince da soli”.

@raffaelevitali

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Fede, giovani e integrazione: i primi pensieri fermani di monsignor Pennacchio

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.