02202018Mar
Last updateLun, 19 Feb 2018 11pm

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners

Micam, Cesare Paciotti is back: "Lavorare, lavorare e lavorare per superare la crisi"

paciotti

L'imprenditore tra i padiglioni della fiera. “Andiamo molto bene all’estero. Il brand è forte in America e nel Far East, dove si possono permettere di comprare scarpe da 500 euro”.

di Raffaele Vitali

MILANO – Il ritorno di Cesare Paciotti. Elegante, con la sua folta capigliatura grigia che lo ha reso un’icona nel mondo della moda. L’imprenditore calzaturiero di Civitanova Marche è tornato al Micam. “Erano anni che mancavo, abbiamo sempre puntato sullo showroom, ma questo nuovo Micam è molto affascinante”.

E poi le è stato dato un posto di eccezione, nella Micam Square.

“Questo stand è una vetrina, per quest’anno questa è la scelta. Ma è un modo per tornare in fiera che ho trovato rinnovata e dopo la cura Pilotti è evidente l’iniezione di gioventù tra i padiglioni”.

Paciotti, come sta la sua azienda?

“Andiamo molto bene all’estero. Il brand è forte in America e nel Far East, dove si possono permettere di comprare scarpe da 500 euro”.

Il mercato italiano per lei era un riferimento, ora?

“Purtroppo è in forte crisi, c’è poco spazio per le scarpe pregiate”.

Cosa piace delle sue scarpe all’estero?

L’essere rigorosamente made in Italy. Neppure negli anni della crisi abbiamo mai lasciato la produzione in Italia. Questo non ci ha fatto perdere la credibilità”.

La sua azienda sta uscendo da una fase di forte crisi, come ci è riuscito?

Tre semplici parole: lavorare, lavorare e lavorare”.

Basta questo alle banche per dare fiducia alle imprese?

“Non sempre, ma di certo aiuta. Poi c’è l’aspetto personale, quello umano. Servono spalle molto larghe per superare i momenti bui che abbiamo fissato”.

E oggi?

“Oggi produciamo mille paia al giorno e guardiamo con forza e fiducia al futuro”.

Paciotti, ma lo sa che c'è un comico nelle Marche che lo imita con grande successo?

"Me ne hanno parlato in tanti di Macchini, ma non ho mai avuto modo di vederlo. So che è bravo, magari ci incontreremo".

@raffaelevitali

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Fede, giovani e integrazione: i primi pensieri fermani di monsignor Pennacchio

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.