04232018Lun
Last updateDom, 22 Apr 2018 7pm

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

Anteprima del Pitti al Teatro dell'Aquila: Fabi porta in scena le scarpe colorate con le piante

fabicolori

Le antiche tecniche comportano che il succo vegetale delle piante tintorie viene applicato con una pezza di cotone sulla tomaia. I colori trovano origine in erbe, fiori, foglie e radici. “La collezione sarà protagonista a Pitti Uomo” aggiunge Fabi che mostrerà la collezione domani, 3 gennaio, nel foyer.

FERMO – Appuntamento al teatro dell’Aquila. Una cornice insolita per un evento unico. Domani, 3 gennaio, dalle 1830 il foyer del teatro verrà presentato in anteprima il progetto Fabi Natural Color. “Un lungo lavoro di ricerca e di sviluppo sulle antiche tecniche tintoriali, sopravvissuto negli anni grazie alla passione e alla dedizione di Massimo Baldini” spiega l’azienda. Baldini guida Oasicolore, azienda di Borgo Pace, che dal 2010 ha iniziato una produzione su vasta scala di pigmenti e coloranti vegetali tra cui il più noto è l'antico blu di Guado. Ma coltivano anche Reseda, Robbia e raccogliamo dalla flora spontanea Scotano, Mallo di Noce, Edera ed Olivo”.

Le antiche tecniche comportano che il succo vegetale delle piante tintorie viene applicato con una pezza di cotone sulla tomaia. I colori trovano origine in erbe, fiori, foglie e radici. “La collezione sarà protagonista a Pitti Uomo” aggiunge Fabi.

Al vernissage parteciperà Baldini, che spiegherà i segreti di una produzione 100% Made in Marche. Al suo fianco due artigiani e Noris Cocci, fotografo di Sant’Elpidio a Mare che è direttore artistico del progetto e che ha realizzato, per l’occasione, una installazione dal titolo Color Play. “Un progetto – dice Cocci – che nasce a seguito del mio incontro con le tecniche tintorie naturali che hanno dato lustro alla moda e alla produzione tessile del rinascimento italiano, riscoperte oggi da Fabi Shoes. In un mondo in cui l’industria abusa del colore fino alla sua rappresentazione iper realistica, l’invito dei miei contenuti è quello di ristabilire toni più naturali. Perché il kiwi che mangiamo non è mai verde come quello che vediamo sui nostri display”.

Se è vero che il colore dona serenità, averlo ai piedi in versione naturale è un buon inizio per affrontare la vita. Appuntamento nel foyer del Teatro dell’Aquila dalle 18.30 alle 22.

@raffaelevitali

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Fede, giovani e integrazione: i primi pensieri fermani di monsignor Pennacchio

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.