01242018Mer
Last updateMer, 24 Gen 2018 9am

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners

La solidarietà non trema: da 5 a 500 euro, ogni cittadino può donare un sogno a Belmonte o Montefalcone

passerellacastello

“L’ Anci sosterrà le campagne in crowdfunding, cofinanziando i progetti che avranno raggiunto almeno il 50% del budget prefissato. 

Fosse anche un bullone di una ruota, ma ogni cittadino può contribuire per far comprare un nuovo scuolabus al comune di Belmonte Piceno. Fosse un pezzetto di pellicola, ma ogni cittadino può aiutare Amandola a riaprire il cinema. Fosse per togliere l’erba dalle mura, ma ogni cittadino può cercare di riaprire il castello di Montefalcone Appennino. Fosse anche per una sedia, ma ogni cittadino può essere parte del nuovo centro di aggregazione di Falerone. O fosse per il pulmino da destinare ad anziani e bambini di Montelparo.  Il progetto si chiama ‘La solidarietà non trema’ ed è stato pianificato dall’Anci, l’associazione nazionale dei comuni italiani. “L’ Anci sosterrà le campagne in crowdfunding, cofinanziando i progetti che avranno raggiunto almeno il 50% del budget prefissato. Il massimale erogato sarà di 150mila euro per i progetti di ripristino di infrastrutture locali danneggiate e di 40mila per l’acquisto di beni durevoli” spiega il presidente De Caro. A oggi sono state raccolte poche decine di euro per ogni progetto, va meglio ad Amandola arrivata a 160. Il tempo non è tanto, 81 giorni, per raggiungere il sogno.

Piccoli e grandi traguardi, si va dai 34mila euro di costo per il mezzo che attende Belmonte Piceno, “il nostro ha superato i 400mila chilometri e la nostra scuola è diventata inagibile, quindi i bambini della scuola primaria devono essere trasferiti giornalmente in un plesso scolastico di un comune limitrofo”, ai 150mila del cinema di Amandola, “faremo lavori di ammodernamento della sala, rendendola accessibile alle persone diversamente abili, a realizzare lavori di ristrutturazione della copertura dell’edificio e delle finiture interne ed esterne, lavori di adeguamento e ammodernamento del palcoscenico e dei camerini e interventi di efficientamento energetico degli impianti”, dai 60mila di Montefalcone, “i fondi verranno utilizzati per la realizzazione dei camminamenti e delle scale di accesso, si realizzerà una nuova scala metallica circolare collegata alla torre da una passerella. Una parte dei fondi verrà poi usata per l'installazione di un binocolo panoramico con struttura completamente in acciaio inox satinato, anti vandalismo e testa in alluminio di elevato spessore verniciata di bianco”, ai 150mila di Falerone, “si prevedono lavori di riparazione dell’ impianto originario del teatro Beato Pellegrino: interventi di consolidamento e ripristino delle murature, di risanamento delle finiture (intonaci, tinteggiature, infissi e pavimentazione), di messa a norma e potenziamento degli impianti, anche satellitari, e di allestimento di nuovi arredi”, fino ai 40mila per Montelparo che ha scelto le immagini del post sisma con crepe e macerie per colpire il donatore.

Ogni comune poi omaggerà il generoso donatore in base alal somma che avrà versato. Si va dal ringraziamento sui social al disegno dei bambini di Belmonte mandato a casa fino al nome impresso in luoghi visibili di ogni comune. Per versare basta aprire https://www.eppela.com/it/mentors/anci-crowd

Raffaele Vitali

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Fede, giovani e integrazione: i primi pensieri fermani di monsignor Pennacchio

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.