10212017Sab
Last updateVen, 20 Ott 2017 5pm

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners

Cisl e Cgil: “Mai vissuta una crisi come quella di Formentini. Il prodotto medio basso è in difficoltà e il lusso traballa. Andiamo al Ministero, siamo una piccola Ilva”

scarpa lavoro

La denuncia dei rappresentanti Fim e Cgil che mette in mostra la crisi del distretto. “Abbiamo chiesto la Prefetto di intercedere con il Ministero”.

FERMO – Il distretto calzaturiero è in crisi, i sindacati monitorano, si confrontano e provano a ridurre i problemi ed è il caso del Gruppo Formentini. “Una vertenza senza precedenti per questo territorio, visto che parliamo di 156 dipendenti con a rischio 116-121 persone” esordisce Fiori, Femca Cisl. Una vertenza di dimensioni nuove anche per la Cisl: “Mai un caso di questo livello da almeno 12 anni”. E se oltre cento sono i dipendenti, il problema si amplifica pensando all’indotto: da chi forniva materiali ad artigiani. “Arriviamo a 250 unità a rischio” aggiunge.

Al momento sul tavolo della Regione c’è una cassa integrazione straordinaria per la Formentini Srl, dove l’esubero va da 60 a 65 dipendenti su 100 e una apertura sulla cassa in deroga per due mesi, fino al 30 novembre, per la Zefiro la Maestrale. “Ma stiamo verificando la possibilità di una cassa straordinaria” aggiungono i sindacalisti.

“Parliamo di una azienda che ha prodotto una scarpa di livello medio basso. Una qualità mai rinnovata, senza ricerca di mercato e volontà di investimento sul prodotto. E oggi siamo di fronte alla crisi di una azienda che lavorando per la Grande distribuzione subisce la concorrenza. Questa è miopia” ribadisce Fiori.

L’accusa quindi passa contro il distretto, “che manca di una politica del lavoro e di rinnovamento”, e che rischia di uscire dal mercato, soprattutto per la fascia di prodotto medio basso, ma non solo: “Anche aziende che lavorano per marchi di prestigio stanno andando in difficoltà. Il distretto è a rischio”.

Due giovani battaglieri Fiori e Silenzi, ma con una sfida troppo grande per affrontarla da soli: “Finiamola di dire che siamo fuori dalla crisi. I dati pre crisi sono ben lontani. I piccoli segni + che fanno sempre bene riguardano un futuro lontano”. Vogliono andare oltre il momento e la realtà, ma sono stanchi di parlare di politiche attive e fondi europei che poi non riversano risorse sul territorio e soprattutto per il settore moda, che non è solo scarpe ma è anche gomma, vestiario e tanto altro. “Politiche attive ferme al palo e quando ci si trova ad affrontare la vertenza Formentini, che non è l’unica ma anzi è la punta del vulcano che erutta” precisa Silenzi.

I sindacati hanno chiesto al Prefetto un incontro per poter arrivare direttamente al Ministero, "noi siamo una piccola Ilva come numeri della crisi", per approfondire la questione e dimostrare ai vertici territoriali la situazione del distretto e del gruppo Formentini, “che non può essere considerato in tre ditte diverse. È fondamentale farlo comprendere, perché a quel punto gli ammortizzatori sociali diverrebbero più lunghi, garantendo ai lavoratori delle garanzie maggiori” aggiunge Fiori.

Raffaele Vitali

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Terremoto, un anno dopo ho i corpi davanti agli occhi

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.