10192017Gio
Last updateMer, 18 Ott 2017 9pm

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners

theMicam. Vallasciani, Elisabet: "Bcc, linfa per le imprese". Premio al calzaturificio che ha conquistato Hilfiger

bccelisabet

A sorpresa non è il credito la cosa che viene chiesta in primis ai bancari, che hanno incontrato i propri clienti ma anche preso nuovi contatti: “Noi ci siamo, essendo una banca territoriale la vicinanza non manca. Ma sono sempre più gli imprenditori che agiscono motu proprio, utilizzando risorse personali per ripartire".

di Raffaele Vitali

MILANO – Un’azienda resiliente, con una capacità di rinnovamento importante. Caratteristiche che hanno permesso al calzaturificio Elisabet di tornare sul mercato da protagonista con una nuova licenza, la prestigiosa Tommy Hilfiger, e di conquistare il premio “Talenti & Imprese”, istituito dalla Banca Picena di Credito Cooperativo. Ecco che theMicam assume un sapore ancora più dolce: “Una buona fiera. Tante presenze, buon movimento. Non possiamo che essere fiduciosi” commenta la titolare Lara Vallasciani. Al suo fianco il direttore generale della Bcc Paolo Amadio e il direttore della filiale di Porto Sant'Elpidio Michele Stoppo.

Quello della banca è un premio al futuro, a chi lavora bene e punta a crescere. Una banca che ha il suo cuore nel Piceno, ma che sul Fermano è impegnata con importanti investimenti, su tutti quello che porterà al completo rinnovamento della piscina di Porto Sant’Elpidio, chiusa fino all’estate del 2018 per i lavori. Il calzaturificio Elisabet è presente a theMicam con diversi marchi di proprietà: Morelli, Beyond, Walk Safari, Walkey, ma anche le licenze di Liu-Jo Girl e Tommy Hilfiger. A convincere la Bcc per il premio è stata la condotta dell’azienda di Monte Urano, come spiega il presidente della Banca Picena Mariano Cesari: “Questa azienda rappresenta una realtà estremamente interessante”.

Come interessante si è confermato questo Micam per i vertici dell’istituto di credito: “Abbiamo trovato molti imprenditori ottimisti e convinti di avere centrato la collezione. Non manca qualche voce fuori dal coro, ma la fiducia c’è”. A sorpresa non è il credito la cosa che viene chiesta in primis ai bancari, che hanno incontrato i propri clienti ma anche preso nuovi contatti: “Noi ci siamo, essendo una banca territoriale la vicinanza non manca. Ma sono sempre più gli imprenditori che agiscono motu proprio, utilizzando risorse personali per ripartire. E poi, caso mai, venire in banca a chiedere per crescere ancora, sapenod comunque che noi siamo disposnnibili al supporto anche della fase di ripresa. Questa fotografia positiva è anche legata al fatto che chi era in diffcioltà non si è presentato in fiera”. Che la Bcc Picena funzioni lo conferma Lara Vallasciani: “Abbiamo avuto supporto e fiducia da questa banca. Contrariamente dai grandi gruppi, loro credono nelle imprese locali”. Annuisce Amadio: “Il territorio è la nostra casa, anche per statuto visto che abbiamo un raggio d’azione limitato”. Che però crescerà appena si completerà la fusione con la Bcc di Acquaviva, altra realtà in crescita che ha una importante appendice in Abruzzo e soprattutto nella zona della Val Vibrata. 

@raffaelevitali

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Terremoto, un anno dopo ho i corpi davanti agli occhi

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.