07232017Dom
Last updateDom, 23 Lug 2017 8am

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners

Un pizzico di filosofia tra numeri e bilanci: Alici al fianco di Palma alla Fondazione Carifermo

Luigi Alici

Sono stati fatti interventi per 5 milioni e 202mila euro in tre settori chiave.

 

FERMO – Un pizzico di filosofia dentro la Fondazione Carifermo. Non c’erano dubbi sulla conferma di Alberto Palma alla guida del braccio culturale ed economico della banca della città, ma la sorpresa è arrivata con la nomina del vice, il professor Luigi Alici.

Il bilancio è stato approvato all’unanimità al termine di un intenso quadriennio in cui la Fondazione quale interlocutore attivo di enti e associazioni, nei campi della cultura, istruzione, sanità e sostegno al volontariato.

Sono stati fatti interventi per 5 milioni e 202mila euro in tre settori chiave. Per la sanità, salute pubblica, medicina preventiva e riabilitativa sono stati investiti 609mila e 300 euro. Per Istruzione, educazione e formazione 1milione e mezzo di euro. Due milioni e 31mila euro per arte, attività varie e beni culturali. I due milioni restanti sono andati a favore di associazioni e soggetti impegnati nella promozione sociale.

“La scelta di mantenere il controllo della banca ha assicurato nel Fermano e, più in generale, nelle Marche meridionali la permanenza di un forte ed efficiente istituto di credito locale, quale è la Carifermo, capace di assicurare positiva assistenza a famiglie ed imprese” spiega il nuovo Consiglio della Fondazione.

Che resterà in carica per i prossimi quattro anni con questi componenti: il docente universitario Luigi Alici, l’imprenditore Lanfranco Beleggia, il cardiologo Pierluigi Capone, l’architetto Raffaella Diletti, l'avvocato Alberto Palma e il ragioniere Ferruccio Petracci. Novità è Ezio Montevidoni, presidente della Croce Verde di Porto Sant’Elpidio che subentra a Alfio Ripa, storico vicepresidente.

Nel corso del 2016 è proseguita l’opera di recupero artistico e architettonico di “Palazzo Monti” finalizzato al restauro conservativo dell’immobile sito nel centro storico di Fermo, che consentirà di disporre di un “contenitore” per attività coerenti con la missione della Fondazione. E’ stato invece già portato a termine il progetto di recupero e valorizzazione del complesso immobiliare “Trento Nunzi” di via Roma, che ha permesso la realizzazione di 8 appartamenti concessi in locazione a famiglie e studenti con contratti calmierati a canone concordato. “La politica della Fondazione è stata orientata all’accrescimento e alla diversificazione del patrimonio, la cui corretta e prudente gestione garantisce continuità nelle erogazioni” conclude il Consiglio.

Raffaele VItali

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Il ritorno in vita della caretta caretta

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.