11212017Mar
Last updateMar, 21 Nov 2017 1pm

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners

Pasquetta, la gita fuori porta riempie i ristoranti. E Fermo, quest'anno, stupisce con le saracinesche alzate

Fermo duomo aerea

Si attendono indicativamente 2,7 milioni di clienti con un lieve decremento (-0,6%) sul 2016, dovuto con tutta probabilità alla maggiore propensione alla gita fuoriporta data la primavera inoltrata.

FERMO – Cresce l’attenzione al turista e migliora l’accoglienza. In tutta Italia e anche a fermo dove per domani, giorno di Pasquetta, resteranno aperti i principali locali del capoluogo, da Carlo a Emilio passando per il Belli. Una maniera per rispondere anche al richiamo del mare, che solitamente con gli agriturismi delle colline domina l’offerta. Ma le mostre, la cultura, la bellezza delle cisterne saranno l’in più che anche il capoluogo può offrire ai visitatori che non sceglieranno le montagne amandolesi, le biciclette elpidiensi o i ciliegi dell'Hanami di Pedaso.

Per domani, la Fipe (Federazione italiana pubblici esercizi) prevede che 8 ristoranti su 10 saranno aperti, un numero in aumento rispetto al 2016. Tuttavia, nonostante le previsioni meteo non siano del tutto favorevoli, i ristoratori, consapevoli che a Pasquetta prevale la classica gita fuoriporta fanno previsioni meno favorevoli rispetto all'anno scorso, il 16.1% contro il 13& di chi guarda alla giornata con successo.

Si attendono indicativamente 2,7 milioni di clienti con un lieve decremento (-0,6%) sul 2016, dovuto con tutta probabilità alla maggiore propensione alla gita fuoriporta data la primavera inoltrata. Venendo alla tipologia di clientela, il lunedì dell'Angelo il ristorante è meta soprattutto di turisti, sia italiani che stranieri, mentre i "locali" rappresentano circa il 42% del totale.

Per quanto riguarda il menu, le proposte all inclusive riguarderanno 1 ristorante su 4 ad un prezzo medio di 40 euro. La spesa attesa, considerando il prezzo del menu tutto compreso, è di 108 milioni di euro. Per una Pasqua amica dell'ambiente e rispettosa del valore del cibo Fipe ricorda a tutti i clienti dei ristoranti che in caso di cibo e bevande non consumate interamente è giusto portarle a casa chiedendo al ristoratore la family bag. E meglio ancora se nelle Marche si consumano prodotti dei Sibillini, come promesso dalla maggior parte dei ristoranti del Fermano e maceratese.

r.vit.

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Terremoto, un anno dopo ho i corpi davanti agli occhi

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.