09162019Lun
Last updateDom, 15 Set 2019 6pm

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners

Da Jobs a Friedman, ecco la nuova Politecnica del rettore Gianluca Gregori

gregori longhi

Gregori, come Longhi, è un figlio dell’università di Ancona. Dal 1985, quando si è laureato in economia, ha cominciato la sua scalata che lo ha portato fino al rettorato, che guiderà per sei anni dal primo novembre, giorno ufficiale dell’insediamento.

di Raffaele Vitali

FERMO – Dai sogni ai numeri, da Steve Jobs a Milton Friedman. Ecco il passaggio di consegne tra Sauro Longhi e Gianluca Gregori. L’Università Politecnica delle Marche ha un nuovo rettore. Un plebiscito che è andato oltre ogni aspettativa e che dà a Gregori più che forza, che non gli sarebbe mancata, consenso e stima. Perché sapere che il 94% del corpo docenti, del personale amministrativo e dei rappresentanti degli studenti ti vuole è rasserenante. Così come sapere, per stare ai numeri che Gregori maneggia meglio di altri, che a votare è andato l’81% degli aventi diritto. Non scontato, visto che era candidato unico. E invece, prova di forza della stessa università che ha saputo creare un degno erede del magnifico rettore che ha fatto sognare per anni la regione Marche, dipingendola meglio di quel che era. Ma si sa, a volte credere diventa davvero potere.

Gregori, come Longhi, è un figlio dell’università di Ancona. Dal 1985, quando si è laureato in economia, ha cominciato la sua scalata che lo ha portato fino al rettorato, che guiderà per sei anni dal primo novembre, giorno ufficiale dell’insediamento. Bella la stretta di mano tra i due big, bello il sorriso con il prorettore Marco D’Orazio, preside della facoltà di Ingegneria, belle le parole che il nuovo rettore ha rivolto alla sua Politecnica fin dal giorno della candidatura: “È necessario continuare a sostenere il capitale umano, il bene più prezioso del nostro Ateneo, favorendone la qualificazione, l’avanzamento professionale ed il ricambio generazionale. Occorre proseguire con la positiva politica di immissione di “nuovo personale”, favorire l’ingresso di studiosi portatori di significative esperienze internazionali ed allo stesso tempo garantire il soddisfacimento delle attese di avanzamento e crescita professionale dei colleghi già attivamente impegnati nella ricerca, nella didattica e nel supporto tecnico ed amministrativo”.

Un pensiero anche alle territoriali, inclusa Fermo che con la sua Ingegneria Gestionale brilla sempre più: “Superare la dimensione territoriale, migliorare l’attrattività nazionale ed internazionale, garantire piena accoglienza sia sul piano delle strutture che dei servizi, rendere sempre più le città che ci ospitano “vere città universitarie” saranno obiettivi primari”. Fondamentale per Gregori è sostenere la capacità dei gruppi nel produrre ricerca, stimolare le collaborazioni interne ed esterne, fornendo non solo adeguato sostegno economico, ma anche le strutture laboratoriali, il supporto organizzativo ed amministrativo adeguato all’odierna dimensione internazionale della ricerca. “Dobbiamo rafforzare il ruolo di Research University del nostro Ateneo, diventando sempre più un hub della conoscenza internazionale”. Parole al miele anche per Longhi, l’ingegnere che sul capitale umano ha costruito i suoi anni di rettorato portando la Politecnica sempre più dentro le imprese, tirando così la volata all’economista che per le imprese ha studiato sistemi, sviluppo, criticità non nascondendosi mai dietro a un politically correct quando c’era da dire: “Svegliatevi”.

LA CARRIERA

Ha vinto un posto di Ricercatore Universitario bandito dall'Università degli Studi di Ancona nell'ambito dell'Istituto di Scienze Aziendali prendendo effettivo servizio in data 6 luglio 1987. Ha proseguito poi la propria carriera accademica in qualità di Professore Associato in Economia e Gestione delle Imprese presso la Facoltà di Economia dell'Università degli Studi di Ancona da novembre 1999 a dicembre 2002. Nel 2002 ha partecipato al Concorso per Professore di prima fascia e dopo aver vinto tale concorso è stato chiamato dalla Facoltà di Economia dell'Università degli Studi di Ancona. Attualmente è docente di Marketing e Business Marketing.

Dal novembre 2007 a ottobre 2009 è stato Direttore del Dipartimento di Management, dal novembre 2009 all’aprile 2014 è stato Preside della Facoltà di Economia. È stato anche Direttore della Scuola di Dottorato di Economia. Dal novembre 2013 è pro-rettore dell'Univpm. Dal giugno 2018 è Presidente del Consiglio di Indirizzo e Sorveglianza del Consorzio Universitario di Economia Industriale e Management che associa 24 Università.

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Pettinari: la mafia si combatte con piccoli gesti

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.