05192019Dom
Last updateDom, 19 Mag 2019 8am

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

Iscriviti al nostro canale Youtube

Donne e impresa, il Fermano brilla: il 23,4% delle aziende è al femminile

uniondonne

Tra le caratteristiche interessanti del mondo imprenditoriale femminile va annoverata una presenza più consistente al suo interno sia di imprenditoria giovanile, oltre 4.000 le imprese guidate da under 35, sia di imprenditoria straniera.

FERMO – Le donne nelle Marche amano fare le imprenditrici. Se in Italia le aziende a direzione femminile sono il 21,9%, nelle Marche la percentuale sale al 23. In totale sono 39.124, in base ai dati dell’Osservatorio sull’imprenditoria femminile di Unioncamere. Questa classifica è una delle poche che vede l’Italia al contrario, con il nord che ha le percentuali inferiori, vedi il Trentino che addirittura scende al 17,8%.

La piccola provincia fermana per percentuale è la seconda in regione dietro Ancona, le imprese femminili sono infatti il 23,4% del totale, distaccata è Pesaro con il 21,7%. “Nelle Marche un’impresa su cinque è al femminile; conforta sapere che donne, anche giovani, credono ancora nell’imprenditorialità, in particolare nei settori del turismo e dei servizi nonché in quello agricolo.

Tra le caratteristiche interessanti del mondo imprenditoriale femminile va annoverata una presenza più consistente al suo interno sia di imprenditoria giovanile, oltre 4.000 le imprese guidate da under 35, sia di imprenditoria straniera, rispetto a quelle che si possono osservare nell’ambito dell’intero tessuto imprenditoriale” sottolinea Marta Mattioni, imprenditrice e componente della Giunta della Camera di Commercio delle Marche.

Tra l’altro anche l’agricoltura parla femminile, con una impresa su quattro affidata alle donne, stando ai dati Coldiretti. Principalmente a livello regionale sono imprese individuali, caratteristica che nelle Marche è accentuata: se in Italia le imprese femminili individuali sono il 62,8% delle imprese femminili totali, nelle Marche la quota arriva al 65,2%. “Le donne finalmente hanno capito che devono puntare su se stesse, credere nelle loro passioni e credere che le stesse passioni possano diventare il loro lavoro, addirittura arrivando a creare posti di lavori anche per altri. Questa è la chiave dell'imprenditoria femminile fatta di caparbietà, di sfide ideologiche e non solo, di difficoltà burocratiche e concrete”.

r.vit.

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Ponte di Rubbianello: cinque anni di nulla dopo il crollo

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.