06162019Dom
Last updateSab, 15 Giu 2019 7pm

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners

L'asse del sud tra Camera di Commercio e Confindustria: Mariani guida il rilancio dell'agroalimentare

Mariani Melchiorri

Cresce la territoriale, 12 le nuove aziende associate dopo la fusione “segno che la politica e le scelte della nostra associazione sono forti e coese e danno voce pienamente alle esigenze degli industriali nel sud delle Marche” ribadisce Melchiorri.

GROTTAMMARE – La location scelta è esattamente a metà tra due terre che stanno pensando con una testa sola. Confindustria Centro Adriatico, l’associazione frutto della fusione tra Fermo e Ascoli, si è ritrovata a Grottammare. Davanti a Simone Mariani e Giampietro Melchiorri, i due vertici di un corpo che si sta muovendo con fatica ma sempre più con equilibrio, c’erano 170 persone, tra imprenditori (120 le aziende rappresentate) e ospiti. Una realtà che presenta numerose eccellenze e che vuole crescere, come fatto dalla camera di Commercio diventata regionale e ora guidata dal piceno Gino Sabatini.

E proprio lui è stato uno degli ospiti più importanti che ha annunciato ufficialmente quanto già noto: “Il Piceno-Fermano avrà un ruolo importante nella nuova realtà perché proprio a Mariani sarà affidato il compito di organizzare l'Azienda Speciale per l'Agroindustria. La Camera ha già deliberato alcune linee generali di azione per veicolare nuove risorse al mondo delle imprese e in questo il ruolo delle associazioni sarà determinante”. Vuole giocare da protagonista Confindustria e la coesione ritrovata l’aiuterà in questo cammino. “siamo riusciti a far capire la bontà del nostro progetto aggregativo, ovvero nell'operatività che la struttura riorganizzata è riuscita ad esprimere, diminuendo i costi, aumentando in efficienza e crescendo in numero di associati, perché aldilà delle capacità personali abbiamo messo al centro tutta Confindustria Centro Adriatico, che è rispettata per autorevolezza in ogni contesto istituzionale” aggiunge Melchiorri.

Cresce la territoriale, 12 le nuove aziende associate dopo la fusione “segno che la politica e le scelte della nostra associazione sono forti e coese e danno voce pienamente alle esigenze degli industriali nel sud delle Marche”. Il presidente Mariani incassa e dopo aver soffiato sulla candelina del primo compleanno guarda già al futuro: “La vicinanza delle autorità (dal prefetto al comandante dei carabinieri) è per noi importante perché riteniamo che sia in grado di infondere maggiore coraggio e sicurezza nelle nostre attività, nello svolgimento del complesso lavoro dell'imprenditore e nelle sue scelte quotidiane”.

@raffaelevitali

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Pettinari: la mafia si combatte con piccoli gesti

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.