11122019Mar
Last updateMar, 12 Nov 2019 7am

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners
VTEM Banners

Nuove figure per il piccolo mondo del fashion Fermano: servono i merchandiser

gyamonta

Il rilancio passerà per l’abbinamento tecnologia-manifattura e quindi per l’inserimenti dei giovani, come sta cercando di fare il progetto GenerYaction.

MONTAPPONE – Il piccolo distretto del cappello, meno di cento imprese, oltre 70milioni di export, una media di 5-10 dipendenti ad azienda, tolte poche realtà da oltre 50, cerca nuove strade per il suo futuro. E cercandole dà indicazioni a tutto il settore della moda ascoltando una serie di esperti riuniti dalla Provincia di Fermo guidata da Moria Canigola all’interno del progetto GenerYaction.

“Questa piccola realtà è una eccellenza a livello mondiale, ma deve aumentare sia il know how sia la dimensione aziendale per restare competitiva sui mercati” ribadisce la Canigola. Ed è questa anche la linea di pensiero di Alessandro Recchioni, il consulente che fa crescere le imprese, aprendo canali spesso conosciuti forte della sua esperienza manageriale compiuta in gruppi come Gucci e Tod’s. “La crisi ha colpito questo angolo d’Italia, che per anni è stata una piccola locomotiva. Una prima risposta deve essere una crescita dell’economia digitale. Si può emergere anche dalle difficoltà, ci sono marchi, brand della moda che lo dimostrano, penso a Msgn che da Filottrano è arrivato in pochissimo tempo su tutti i mercati del mondo. Quello che la moda deve seguire è un nuovo percorso di crescita, che vada oltre il saper fare che ha nella Cina ma anche in realtà europee dei forti concorrenti”. È qui che si possono inserire i giovani, ben preparati. La moda ha bisogno di figure chiave al suo interno, da qui il suggerimento per eventuali percorsi di studi: “Una figura chiave è il merchandiser che ha come prima caratteristica la capacità di ascolto dei mercati, è colui che sa adottare l’offerta ai prodotti. Ma non solo, penso anche al responsabile sviluppo del controllo e al responsabile sistemi informatici”.

Quello che il piccolo mondo del fashion, dal titolo dell’incontro, chiede è di abbinare tecnologia e manifattura. “Non è il luogo a decidere se avrete successo o no. Un ragazzo di Fermo ha realizzato l’algoritmo che guida i droni nell’agricoltura, un altro di Porto San Giorgio ha studiato algoritmi utili in caso di piccoli ictus. Ci sono riusciti perché sono partiti dalle domande a cui volevano dare una risposta. Quindi, non smettete mai di essere curiosi” ha aggiunto Emanuele Frontoni, professore dell’Università Politecnica delle Marche armato di pc e proiezioni.

Servono quindi figure innovative che si vanno a sommare a quelle con alta capacità manifatturiera che escono anche dalla fabbrica pilota di Montappone. “Un luogo voluto e realizzato con gli imprenditori. Qui docenti esperti insegnano a una quindicina di alunni come si realizza un cappello, e non solo. Chi esce dalla fabbrica trova lavoro” aggiunge Carlo Forti, imprenditore e tra i fondatori dell’innovativa ‘scuola’ di formazione.

Grazie a Priscilla Alessandrini, esperta di marketing e comunicazione, si è entrati nel mondo della promozione, intesa come capacità di far conoscere il proprio prodotto di qualità: Chi spera di diventare ricco?” chiede coinvolgendo i ragazzi. Tante le bracci alzate a cui segue una risposta secca: “Non basta sperare, serve l’impegno. E la successiva domanda è ‘quanto sono disposto a dare per raggiungere il mio obiettivo?’. Un messaggio chiaro che è la base del marketing che ha come scopo il collegamento della domanda e dell’offerta abbinati alla certezza che nulla ormai si vende più solo per la sua qualità”.

In vista dell’ultimo incontro di GenerYaction, in cui a Ortezzano di parlerà di agroalimentare, il messaggio finale lo ha lanciato il sindaco di Montappone Mauro Ferranti: “I giovani devono cogliere le potenzialità di questi momenti. Devono capire che la conoscenza, il know how è la grande risorsa di rilancio dei nostri territori feriti dal sisma. A questo abbiniamo la manifattura, la capacità produttiva di una provincia piccola quanto combattiva”. “Parlare e presentare storie positive è parte di un percorso che abbiamo scelto di abbinare a nuovi servizi diffusi sul territorio: sportelli Fare Impresa e Life Skills, uffici Informagiovani e l’applicazione, scaricabile sul cellulare, in cui vengono fornite tutte le informazioni utili a chi cerca lavoro o canali di formazione” ha concluso, tra gli applausi dei duecento partecipanti, Moira Canigola, presidente della Provincia di Fermo.

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Sauro Longhi, il rettore della contaminazione

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.