Fumata bianca, prime speranze per la Whirlpool. Ceriscioli: 'Il nuovo piano tutela Comunanza'

whirlsindaci

Finalmente una buona notizia per una vertenza che coinvolge le zone colpite dal sisma e le persone che lì vivono e lavorano. Monitoreremo costantemente tutti i passaggi.

COMUNANZA – Primo sospiro di sollievo, anche se la strada per la serenità è ancora lunga. “Rinnoviamo la nostra disponibilità a sostenere il percorso che ci è stato presentato oggi: un Piano industriale nuovo e più efficace per dare una risposta ai lavoratori e ai territori interessati". Le parole sono di Luca Ceriscioli, presidente della Regione Marche uscendo dal termine del tavolo di lavoro che si è svolto al ministero dello Sviluppo economico per discutere del nuovo Piano industriale della Whirlpool.

Al tavolo il ministro Luigi Di Maio e i vertici dell’azienda: “Rispetto all'incontro di venti giorni fa sono stati fatti considerevoli passi avanti. A partire dalla produzione delle lavasciuga ad incasso che torna a Comunanza dalla Polonia ('reshoring'). Il nuovo Piano presentato prevede investimenti su lavatrici a incasso per un mercato considerato in forte crescita. È stato inoltre illustrato un investimento di 3,5 milioni di euro per la creazione di una piattaforma unica che farebbe riassorbire anche gli ultimi 99 dipendenti indicati come esuberi nel piano 2019/2021 per lo stabilimento di Comunanza. Finalmente una buona notizia per una vertenza che coinvolge le zone colpite dal sisma e le persone che lì' vivono e lavorano. Monitoreremo costantemente tutti i passaggi".

Con il presidente anche l’assessore Loretta Bravi: “La linea che abbiamo sostenuto ci sembra colta. È prevista la riconferma degli ammortizzatori sociali e sono state proposte soluzioni in grado di riassorbire gli esuberi e questo ci rende più soddisfatti rispetto al precedente incontro”.

r.vit.