08152018Mer
Last updateMar, 14 Ago 2018 5pm

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners
VTEM Banners

Sala del mappamondo, il ritorno del Rubens e il mercatino: cosa chiedere di più per un giovedì a Fermo?

rubensroma

In pochi metri turisti e fermani troveranno il mappamondo, appoggiato sulla struttura lignea realizzata da Filippantonio Morrone e rivestito in carta reale di Fabriano, e uno dei quadri più importanti in Italia di Rubens, dipinto nel 1608.

FERMO – Un giovedì da leoni. O forse da pastori. Perché domani a Fermo è festa grande. Riapre dopo due anni di lavori la sala del mappamondo, dove troneggiano 15mila volumi antichi e il Globo disegnato dall’abate Amanzio Moroncelli nel 1713, quando questi era il cosmografo della Serenissima. Come se non bastasse, considerando che piazza e vie del centro saranno riempite dagli espositori del mercatino dell’antiquariato, domani torna a casa anche l’Adorazione dei Pastori di Pietro Paolo Rubens. Il capolavoro della pinacoteca di Fermo riprenderà così il suo posto. Dopo i lavori eseguiti alla Pinacoteca, ed il ricollocamento del patrimonio libraio nelle scaffalature, che ha permesso per la prima volta di procedere al controllo volume per volume, alla verifica dello stato di conservazione, alla trascrizione dei possessori, all’annotazione dei libri proibiti o censurati.

Una festa che avrà a coronamento anche il ritorno a Palazzo dei Priori dell’Adorazione dei Pastori del Rubens che potrà nuovamente essere ammirata, da ora e fino alla riapertura della Pinacoteca, in una sala attigua al Mappamondo e che torna in città dopo essere stata ospitata negli ultimi anni in esposizioni di particolare rilievo culturale, grazie al costante lavoro dell’assessore alla Cultura Francesco Trasatti.

In pochi metri turisti e fermani troveranno il mappamondo, appoggiato sulla struttura lignea realizzata da Filippantonio Morrone e rivestito in carta reale di Fabriano, e uno dei quadri più importanti in Italia di Rubens, dipinto nel 1608.

“La sala riapre al pubblico e gratuitamente. È stata scelta questa data non a caso. La città di Fermo, nei giovedì estivi si trasforma, da 36 anni, grazie alla magia che la Mostra Mercato dell'Antiquariato e Artigianato, riesce a realizzare, accogliendo migliaia di visitatori e turisti dal pomeriggio a notte. Sarà possibile già dalle 18,30 accedere alla Sala del Mappamondo con ingresso dal palazzo della Biblioteca, attraversando il "passetto" verso Palazzo dei Priori. E poi non solo, visto che sono confermate le visite ai musei, l’apertura speciale dell'Oratorio di Santa Monica, la mostra d'arte a San Rocco e in serata la musica con Tangram al chiostro dei Carmelitani in corso Cefalonia, oltre a ritrattisti, truccabimbi e artisti di strada” ribadisce Bibi Iacopini.

Se il mappamondo era l’invitato di lusso del 2 agosto, il ritorno dell’Adorazione dopo un viaggio per Milano, Roma e Forlì è coronamento del lavoro svolto dagli uffici tecnico e cultura. “Una giornata molto importante dunque quella del 2 agosto così come sarà l’afflusso: gli spazi saranno ridotti quindi preghiamo di avere pazienza (si entrerà a gruppi di 25 persone, ndr) e di godersi la città con il mercatino: una giornata che vale la pena di essere vissuta pienamente”. Se al taglio del nastro ci sarà il presidente della Regione Ceriscioli, il 3 agosto si bissa con Paola De Micheli, Commissario Straordinario, fino a settembre, per la ricostruzione che arriverà a Fermo per poter ammirare personalmente questo gioiello unico della città e del territorio.

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Crolla il tetto su una classe dell'Iti Montani: vigili del fuoco in azione

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.