07232018Lun
Last updateDom, 22 Lug 2018 4pm

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

La mostra. 20 anni di biblioteca ragazzi raccontati con parole e disegni dagli alunni di Fermo

bibliotecaragazzigruppo
raminimostra

Quando oggi, verso le 18, la grande torta verrà tagliata per fare festa, la mostra dei disegni diventerà il punto di riferimento per capire come i ragazzi vedono il luogo chiave della città.

FERMO – Sono cresciuti tra i libri della biblioteca ragazzi, in quell’angolo di città in cui divertimento e cultura si incrociano. E alla biblioteca, per il suo ventesimo compleanno, gli alunni, 71 in totale, delle scuole Betti e Da Vinci-Ungaretti hanno regalato la loro visione di piazza del Popolo tra disegni e parole. Piccoli capolavori letterari, tre quelli premiati alla fine, e quadri da esposizione che l’assessore alla Cultura Francesco Trasatti ha scelto di trasformare in una mostra nella sala espositiva al piano terra del palazzo dei Priori.

La mattinata finale è stata carica di emozione, tra i ragazzi che applaudivano stile curva dello stadio ogni compagno chiamato a leggere la sua opera e l’anima della biblioteca ragazzi, Raffaella ramini, che non riusciva a contenere le lacrime di fronte “a quella che per me è una figlia, l’ho vista crescere e diventare adulta”.

Quando oggi, verso le 18, la grande torta verrà tagliata per fare festa, la mostra dei disegni diventerà il punto di riferimento per capire come i ragazzi vedono il luogo chiave della città. Ce n’è qualcuno che l’ha rappresentata in stile fantascienza, con gli alieni che scendono dal cielo, ma c’è chi ha saputo incastonare tra i palazzi antichi ogni peculiarità della biblioteca Spezioli, un luogo magico da 0 a 99 anni. ‘Piazza reale e piazza virtuale’ è il titolo del progetto che si è chiuso e che ha coinvolto le scuole sotto il coordinamento dell’estroversa prof.ssa Maria Teresa Eleuteri, docente di storia dell’arte e discipline pittoriche.

“La piazza virtuale è un luogo di incontro e di scambio a disposizione degli utenti della rete telematica. Se da un lato il mondo virtuale permette ai viaggiatori di scoprire le bellezze del mondo, dall’altro spesso sostituisce il rapporto personale. La piazza reale è invece un posto dove si comunica con voce e non con cose tecnologiche” è il sunto di Nicola Rossi, alunno di seconda media, che nella piazza reale crede, come i suoi compagni che nei dipinti hanno anche rappresentato i dialoghi, veri, tra giovani che hanno voglia di parlare, anche in biblioteca, e non solo di chattare. “Questa biblioteca ragazzi è il segno verso i più piccoli e per questo non va dimenticata, un piccolo gioiello che tutti ci invidiano. Merito di tanti, ma specialmente della direttrice Maria Chiara Leonori che mette il suo competente e appassionato impegno” conclude Trasatti prima della foto di gruppo e del taglio del nastro in piazza.

Raffaele Vitali

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Crolla il tetto su una classe dell'Iti Montani: vigili del fuoco in azione

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.