04202018Ven
Last updateGio, 19 Apr 2018 7pm

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners

Biancaneve è piena di droga: presi i dieci 'nani' che spacciano tra Fermo e Ascoli

guardia di finanza auto

Tempo un mese, le Fiamme Gialle hanno arrestato altre tre persone vicino a Spinetoli. Questo ha dato ulteriore slancio all’indagine e sono così arrivati altri quattro arresti: tre elpidiensi ventenni e un rumeno. Indagine condotta dalla procura di Fermo.

FERMO – Altro che sette nani, dietro ‘Biancaneve 2017’, l’operazione della Guardia di Finanza che ha smantellato una rete di spacciatori di droga, c’era un vero sodalizio criminale. Si è chiusa la maxi indagine di polizia giudiziaria, diretta dalla Procura della Repubblica di Fermo guidata da Domenico Seccia e dal sostituto Alessandro Piscitelli. Tutto è partito dall’arresto, a gennaio 2017, di un trentunenne napoletano residente a Pedaso trovato in possesso di un consistente quantitativo di sostanze stupefacenti (154 grammi di cocaina) e di sostanze “da taglio” (circa 550 grammi).

Sembrava un arresto come altri, ma l’indagine poi ha messo in mostra dettagli che facevano pensare a qualcosa di più grande. Nell’abitazione sono stati rinvenuti una pistola calibro 6,35 “Zastava” di fabbricazione serba con matricola abrasa munita di caricatore con 5 proiettili inseriti, altri 178 proiettili (suddivisi tra calibro 22 e calibro 6,35), banconote contraffatte per 2.000 euro, 900 euro in contanti, proventi dell’attività di spaccio ed altri quantitativi di sostanze stupefacenti (10 grammi di cocaina e 37 di marijuana, oltre a un altro etto di sostanze da taglio e 3 bilancini di precisione).

Tempo un mese, le Fiamme Gialle hanno arrestato altre tre persone vicino a Spinetoli. Questo ha dato ulteriore slancio all’indagine e sono così arrivati altri quattro arresti: tre elpidiensi ventenni e un rumeno. Passo passo veniva smantellata tutta la rete di spaccio di sostanze stupefacenti che interessava a macchia di leopardo la costa piceno-fermana, da San Benedetto del Tronto a Porto Sant’Elpidio. A marzo 2017 in manette finisce un 45enne pugliese residente a Porto Sant’Elpidio, sorpreso a cedere cocaiina a un 45enne di Montegranaro.

Volto dopo volto, la Procura di Fermo non ha dubbi e inziia aparlare di “sodalizio criminale dedito allo spaccio e ai traffici illeciti delle sostanze stupefacenti”. Un mix di spacciatori italiani, albanesi e magrebini sparsi lungo tutta la dorsale costiera caratterizzati da un significativo spessore criminale e spregiudicatezza di condotte che ha portato all’arresto ancche di u 29ene di Campofilone.

Al termine dell’inchiesta, sono dieci le persone colpite da ordinanza di custodia cautelare emesse dal Giudice per le Indagini Preliminari presso il Tribunale di Fermo, dr.ssa Maria Grazia Leopardi, che ha avallato il quadro del procuratore Seccia. “Il sodalizio criminale individuato era in grado di immettere sul mercato locale quantitativi di circa 500 grammi di cocaina e circa 200 grammi di eroina alla settimana, per un valore stimato pari a circa 70.000 € settimanali (per circa 4 mesi, ovvero oltre un milione di euro)” spiega il comando della Finanza di Ascoli Piceno.

Le Fiamme Gialle del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Ascoli Piceno, con il costante supporto della Direzione Centrale per i Servizi Antidroga del Ministero dell’Interno – Ufficio Centrale di Direzione e di Coordinamento dell'Attività di Polizia per la Prevenzione e la Repressione del Traffico illecito delle Sostanze stupefacenti o Psicotrope –, fornito sin dal primo periodo dell’operazione “Biancaneve 2017”, sono all’opera dalle prime ore della mattinata di oggi, impegnate non solo per l’esecuzione delle incombenze relative al mandato di arresto di 10 persone, ma anche per quelle, strettamente collegate, del sequestro di 4 autovetture e di due motocicli del valore complessivo pari a circa 150.000 euro e di diverse perquisizioni che trovano il contestuale impiego delle unità cinofile antidroga. Sono nove le persone già tradotte in carcere che sono state prelevate a Corropoli, Cupra, Campofilone, Sant’Elpidio e Porto San Giorgio.

redaziome@laprovinciadifermo.com

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Fede, giovani e integrazione: i primi pensieri fermani di monsignor Pennacchio

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.