06202018Mer
Last updateMar, 19 Giu 2018 4pm

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

Iscriviti al nostro canale Youtube

Provincia e comuni, quintali di sale per le strade. Numerosi i pericoli: ghiaccio, vento e cumuli di neve

sala Coc

Criticità lungo la Mezzina, su cui la Provincia ha acceso un faro particolare: "Abbiamo dato indicazioni precise, in modo che venga controllata con costanza. Ma c’è un problema non trascurabile, soprattutto per le prime ore del giorno e a tarda sera: la temperatura che ha raggiunto i 5 gradi sotto zero".

FERMO - “Domani ci sarà un miglioramento della situazione sul fronte neve, non sono previste precipitazioni, ma temperature molto basse. La giornata sarà dunque caratterizzata dalla presenza di ghiaccio, sia sulla rete viaria, sia lungo le vie pedonali”. Questa la nota della protezione civile regionale. E questo quello che in realtà stano provando da questa mattina molti fermani che alla macchina non possono rinunciare. Criticità lungo la Mezzina, su cui la Provincia ha acceso un faro particolare: Abbiamo dato indicazioni precise, in modo che venga controllata con costanza. Ma c’è un problema non trascurabile, soprattutto per le prime ore del giorno e a tarda sera: la temperatura che ha raggiunto i 5 gradi sotto zero. Il sale, a quel punto, ha una efficacia inferiore, perché agisce sula temperatura alzandola di un paio di gradi, massimo tre. Per questo capitano tratti ancora ghiacciati, ma siamo in costante monitoraggio” precisa il dirigente Ivano Pignoloni.

Nel mentre, sono in arrivo altri 300 quintali di sale. La Provincia infatti a inizio inverno ne ha ordinati 600, con la metà subito consegnata e gli altri 300 a richiesta. E così è stato, in modo da prevenire ulteriori nuove emergenze. La risposta del piano provinciale è stata perfetta per la neve, proseguirà anche per combattere il ghiaccio, con un’azione notturna andata in scena sulla fermana e la veregrense nel comune di Montegranaro, oltre che per il tratto che dalla Mezzina arriva a Sant’Elpidio. “Mentre è stato necessario chiudere la vecchia porto, che era completamente ghiacciata”.

A fronte di chi agisce, che sia comune o enti superiori, resta poi il fatto che alla guida ci va l’uomo. E così accade che in zona Valle Marina, da Piane di Falerone verso Monte Vidon Corrado, una decina di auto siano finite fuori strada, nel campo, a causa di un’altra vettura che si è fermata e il conducente si è messo a montare le catene dietro una curva. Per evitarla, diversi mezzi, che arrivano correndo, sono usciti di strada all’altezza dell’impianto fotovoltaico, incluso un mezzo adibito alla pulizia. Serve quindi maggior attenzione quando ci si mette in strada.

Un ulteriore problema lo sta fornendo il vento, che riposta in mezzo alle carreggiate cumuli di neve che provocando improvvisi rallentamenti. Sta accadendo verso Monte San Pietrangeli e Monte Vidon Corrado, oltre che in alcuni tratti della Castiglionese. Ci sono poi le strade chiuse a Porto Sant’Elpidio, tornando al piano comunale, per l’impossibilità di ridurre la presenza di ghiaccio. Tra le principali, accesso sbarrato in via San Filippo. A Porto San Giorgio il sindaco Nicola Loira, che ha chiuso viale della Vittoria, ha optato per un’ordinanza che invece dà indicazioni a chi gira con mezzi a motore: “A partire da oggi e fino ad espresso provvedimento di revoca, tutti i veicoli a motore, esclusi i ciclomotori a due ruote, devono essere muniti di pneumatici invernali ovvero devono avere a bordo mezzi anti sdrucciolevoli idonei alla marcia su neve e ghiaccio”.

Raffaele Vitali

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Crolla il tetto su una classe dell'Iti Montani: vigili del fuoco in azione

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.