08192019Lun
Last updateLun, 19 Ago 2019 7pm

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners
VTEM Banners

Decreto della Regione: i rifiuti di Ancona alla discarica di Fermo. Incasso milionario per l'Asite

asite consiglio

L’accordo che coinvolge Fermo ha durata semestrale, indicativamente, stando all’ultimo report, i rifiuti che andranno smaltiti tra Urbino e San Biagio sono 24.858 tonnellate di rifiuti.

FERMO – Come si ripianano i conti della partecipata Asite e si finanziano nuovi investimenti? Prendendo rifiuti da fuori provincia. Sistema che ha funzionato con Avezzano, poi con Roma e Macerata. E che oggi torna in auge grazie ad Ancona.

Il decreto del presidente della regione Marche, Luca Ceriscioli, è chiaro: “Il rifiuto urbano indifferenziato raccolto nei Comuni dell’Ambito Territoriale Ottimale n.2 – Provincia di Ancona in deroga all’obbligo di bacinizzazione, sia conferito per il trattamento preliminare all’impianto di Trattamento Meccanico Biologico (TMB) sito in località Cà Lucio di Urbino (PU) gestito da Marche Multiservizi S.p.A di Pesaro per un quantitativo non superiore a 20 t/giorno e, per il quantitativo giornaliero eccedente, all’impianto TMB sito in loc. S.Biagio di Fermo gestito da Fermo Asite S.r.l.”.

L’impianto Tmb la provincia di Ancona non ce l’ha a disposizione. Dopo una serie di deroghe, con una triturazione preventiva seguita dal conferimento in discarica, la Regione ha stabilito paletti più rigidi, come richiesto dall’Europa. Da qui il decreto che per Fermo ha una importanza economica enorme. A dirlo sono i numeri. Stando al piano rifiuti regionale, Ancona ha prodotto in un anno 144.564.961 di chili di rifiuti differenziati, pari al 65.61%. Il che significa che l’indifferenziato, il cosiddetto grigio, che va smaltito nel Tmb, equivale al 34.39% pari a 49.71.5890 chili.

L’accordo che coinvolge Fermo ha durata semestrale, indicativamente, stando all’ultimo report, i rifiuti che andranno smaltiti tra Urbino e San Biagio sono 24.858 tonnellate di rifiuti. Di questi, Urbino ne prende 20 tonnellate al giorno, pari a 3600 in sei mesi. Le restanti 21258 andranno a Fermo. Se il prezzo che verrà pagato è quanto chiesto ad Ascoli, ovvero 137 euro a tonnellata, l’Asite incasserà quasi 3milioni di euro.

Mossa vincente? Vista da un punto di vista economico senza dubbio. Resta la strategia politica della più grande discarica del Fermano che ha una capacità certa di assorbimento per i prossimi sette anni, ogni anno arrivano 60mila tonnellate di rifiuti dalla provincia di Fermo, salvo ampliamenti consistenti oltre ai 70mila metri cubi in più attualmente in discussione in Provincia.

Raffaele Vitali

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Pettinari: la mafia si combatte con piccoli gesti

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.