07242019Mer
Last updateMar, 23 Lug 2019 3pm

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners
VTEM Banners

I falsi miti (piante e luci spente) che non fermano le zanzare: i consigli per combatterle

zanzaratigre

Tra i falsi miti che Anticimex prova a smontare ce ne sono tanti. “Tra i più celebri: incidere delle X con le unghie sui pomfi per dare sollievo dalle punture, spegnere tutte le fonti di luce per evitare l’invasione nelle mura domestiche, esporre sui balconi piante".

FERMO - Se non amate le zanzare, ecco alcuni consigli utili. Mentre molte amministrazioni stano riproponendo, in ritardo, le disinfestazioni, arrivano le indicazioni di Anticimex. L’ondata di caldo, seguita ora dalle ingenti e improvvise piogge, ridà vita alle zanzare, incubo spesso notturno delle case e dei parchi.

Tra i falsi miti che l’azienda prova a smontare ce ne sono tanti. “Tra i più celebri: incidere delle X con le unghie sui pomfi per dare sollievo dalle punture, spegnere tutte le fonti di luce per evitare l’invasione nelle mura domestiche, esporre sui balconi piante (per lo più aromatiche) come barriera di difesa dai famelici ospiti”. in verità sono altre le mosse da adottare per provare, quantomeno, a lenire il problema: “Evitare l'accumulo di acqua in contenitori esterni (vasi da fiori, bottiglie e altri contenitori che possono contenere l'acqua) per impedire che diventino terreno fertile per le zanzare; non accumulare i rifiuti, ma buttarli via in sacchetti di plastica chiusi conservati in bidoni della spazzatura coperti; svuotare periodicamente scarichi che possono causare ristagni d'acqua; nelle abitazioni con giardini o aree verdi usare le nuove tecnologie con sistemi di disinfestazione automatica; utilizzare repellenti efficaci sulle parti del corpo esposte”. Poi c’è sempre il classico e utile: posizionate zanzariere alle finestre.

“Chi ha giardini può affidarsi alle nuove tecnologie. Infatti – afferma Valeria Paradiso, responsabile tecnico di Anticimex Italia – si possono programmare giorni e orari di intervento, nebulizzando prodotti specifici o repellenti 100% naturali nei momenti più idonei ed in assoluta autonomia. Ma per bloccarne la diffusione all’origine è essenziale agire sul fattore prevenzione, con la collaborazione attiva delle amministrazioni, che devono pianificare, insieme a esperti del settore, interventi mirati e continuativi almeno da marzo a tutto ottobre. Ma altrettanto importante è il ruolo dei cittadini, fondamentale per tenere in ordine le aree private ed evitare i ristagni d’acqua”.

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Pettinari: la mafia si combatte con piccoli gesti

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.