08192019Lun
Last updateLun, 19 Ago 2019 12pm

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners
VTEM Banners

1700 firme per pressare la Regione: subito la rotatoria a Paludi. E una ciclabile

rotapalu5

I ‘quattro della rotatoria’ sono poi diventati diciannove e il Comitato (al tavolo Gabriele Marcantoni, Dania Renzi, Claudio Fabiani, Giuliano Mezzabotta e Gerardo Cicconi) ha accelerato, partendo dalla nascita della zona industriale di Paludi.

FERMO – Un plico con 1712 firme per dare a Paludi la rotatoria. “È arrivato un no al progetto di un privato, chi la fa?”. È nato in quel momento un comitato con quattro persone guidato da Gerardo Cicconi. “Pian piano abbiamo coinvolto industriali, commercianti, artigiani, i trasportatori gli agricoltori e soprattutto i dipendenti e le mamme che perdono tempo in fila quando vorrebbero stare in pausa pranzo con i figli”. E tanti sono gli incidenti che ogni giorno vedono coni loro occhi i titolari delle attività e i residenti.

I ‘quattro della rotatoria’ sono poi diventati diciannove e il Comitato (al tavolo Gabriele Marcantoni, Dania Renzi, Claudio Fabiani, Giuliano Mezzabotta e Gerardo Cicconi) ha accelerato, partendo dalla nascita della zona industriale di Paludi. “Si parlava quarant’anni fa di un ponte sul Tenna, ma non è mai stato fatto. Nel frattempo arriva l’Edison, poi lo sfasciacarrozze e l’impianto di depurazione. L’unica cosa bocciata è stata l’autodromo, che avrebbe portato forse progresso. Al contempo si è sviluppata la zona di Tre Archi che da turistica è diventata ricettacolo di criminalità. “E dopo 40 anni la stessa viabilità”.

Per cambiare la realtà, è scattata la raccolta firme dopo una serie di incontri. “Prima ho parlato con il sindaco Paolo Calcinaro che ci ha dato il suo placet, visto che non siamo partiti contro ma a favore di progetti. Tanto che avrebbe anche firmato, se fosse stato un semplice cittadino. Poi sono stato in Provincia e ho parlato con il vicepresidente Stefano Pompozzi, che ha aperto il tavolo con la Regione. Nel mentre abbiamo avviato la raccolta firme”.

Ora seguiranno l’azione dell’ente regionale, visto che per quella di Paludi, la Regione ha già garantito a febbraio che la realizzerà con l’Anas. “Per noi importante è farla, chi la fa per noi va bene”.

Ma non basterà la rotatoria, il comitato chiede di più: “Potenziamento della viabilità Lungotenna, diventata la vera strada per chi esce dall’A14 e va aa Fermo, una pista ciclabile che colleghi San Marco a Paludi, un attraversamento ciclopedonale sulla Statale. Azioni base per non lasciare isolata l’area industriale e residenziale” conclude il comitato che in primis vuole la rotatoria, poi le altre migliorie: “Non venissero i politici a fare campagna elettorale fino a che non ci sarà un cronoprogramma certo con le coperture economiche”.

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Pettinari: la mafia si combatte con piccoli gesti

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.