11132019Mer
Last updateMar, 12 Nov 2019 6pm

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners
VTEM Banners

Indice di vulnerabilità sismica: termocamere ed ecografi da muro in azione al Carducci Galilei

studiocardu15
studiocardu5

Passeranno giorni all’interno del Carducci trasformando un compito in un momento anche di crescita per gli alunni. “Siamo una scuola tecnica, poter vedere in azione i più sofisticati macchinari è un’occasione” aggiunge la dirigente.

di Raffaele Vitali

FERMO – In mano hanno una termocamera a infrarossi e uno scanner che seziona i muri, sul tavolo mappe e norme. La squadra che deve effettuare lo studio di fattibilità e diagnosi sismica, più noto come indice di vulnerabilità, è entrata in azione. Al Carducci Galilei guidato dalla preside Cristina Corradini sono arrivati tre esperti dalla Puglia. L’ingegner Michelangelo Gagliardi e due tecnici della LandNet, Umberto Calò e Marija Djurovic.

“Abbiamo vinto la gara per il lotto 2 della provincia di Fermo, ovvero l’Itet. Un lavoro complesso quello in corso, anche per la tipologia di scuola che è composta da tre corpi costruiti in tempi diversi. “Della parte storica non ci sono i calcoli strutturali, c’è solo lo studio architettonico fatto a mano, il che significa non sapere quanti pali ad esempio ci sono sotto di noi. Questo richiede analisi ancora più dettagliate attraverso l0uso di tecnologie specifiche”.

"A un primo sguardo si nota già che è un edificio in buone condizioni”. Alle loro analisi si abbina anche lo studio del geologo della Provincia. Passeranno giorni all’interno del Carducci trasformando un compito in un momento anche di crescita per gli alunni. “Siamo una scuola tecnica, poter vedere in azione i più sofisticati macchinari è un’occasione” aggiunge la dirigente.

Il loro lotto fa parte del piano da due milioni di euro che l’ente guidato da Moira Canigola è riuscito a farsi finanziare. Più squadre in azione nelle scuole cittadine. “È uno studio indicato che si basa su una grande mole di dati che una volta raccolti sul posto vengono rielaborati da u sistema che abbiamo in ufficio. Alla fine dell’elaborazione è prevista la simulazione di un sisma per vedere come reagirebbe la scuola in caso di forti scosse. È solo al termine di tutto questo percorso che si arriva al famigerato indice”. Che per i nuovi edifici deve essere 1, ma che per quelli storici e comunque precedenti l’ultima stringente normativa antisismica deve invece arrivare allo 0,6.

“Con questa camera – spiegano i tecnici – riusciamo rilevare la tenuta superficiale dei corpi. Possiamo vedere i possibili distacchi all’interno dei soffitti, visto che il distacco genera una differenza di temperatura che l’infrarosso coglie”. Diverso l’uso dello scanner, che viene posizionato su uno dei muri portanti: “Fa emergere le travi. È dotato di tre antenne che rilevano diversi componenti, dallo spessore delle murature alla presenza dei cavi di ferro”. e ci sono anche macchinari che arrivano a ‘vedere’ le fondazioni, fino a 15 metri di profondità.

Non sono in tanti a fare questo lavoro: Anche per questo è importante averli a scuola, aprono u mondo sulle professionalità richieste dal mercato” aggiunge la Corradini. E la conferma arriva da Gagliardi: “Servono gli ingegneri strutturisti, siamo una nicchia che ha un percorso di studi molto specifici. I posti ci sono, come il lavoro soprattutto dopo che la Buona scuola inserì la mappatura degli edifici”. Certo, poi dal controllo alla ‘azione ne passa, ma questo non è un problema dei tecnici ma della politica e della burocrazia, trasformare l’impegno, i costosi studi sullo stato degli immobili pubblici in azioni di miglioramento e adeguamento. “Tenete presente che l’indice medio italiano delle scuole è di poco superiore allo 0,2, quindi di lavoro ce ne è tanto da fare. Ma partiamo da una condizione migliore di tanti altri Paesi europei grazie a una normativa sismica molto precisa” concludono i tecnici prima di riprendere il loro lavoro, che proseguirà anche la prossima settimana prima di tornare in Puglia ed entro 30 giorni fornire lo studio alla Provincia di Fermo.

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Sauro Longhi, il rettore della contaminazione

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.