08242019Sab
Last updateVen, 23 Ago 2019 6pm

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners
VTEM Banners

L'ultima sigaretta, poi il fumo e le fiamme: così è morta l'archeologa Laura Pupilli

polizia di notte

Fermo ha risposto con il dolore delle parole. Tante le testimonianze, dall’editore prediletto, Andrea Livi, ai tanti politici che l’hanno conosciuta per il suo impegno dentro la Cavalcata e per i tanti incontri organizzati per parlare di storia.

FERMO – Bisognerà attendere l’autopsia per sapere esattamente come è morta Laura Pupilli. Ex priore, affermata archeologa autrice di numerose pubblicazioni, la 67enne viveva da sola nell’appartamento di via Sapri. La stufetta trovata in camera non sarebbe la vera causa dell’incendio, in quanto dalle indagini in corso da parte della Polizia è emerso che a scatenare le fiamme sarebbe stata una sigaretta, l’ultima fumata dalla signora in piena notte.

Laura Pupilli è morta soffocata dal fumo. E questo confermerebbe la tesi dell’incendio che si è propagato lentamente, riempiendo la stanza di fumo prima ancora che di fuoco. Per questo non si sarebbe svegliata e sarebbe rimasta poi inerme nel letto in preda delle fiamme.

Fermo ha risposto con il dolore delle parole. Tante le testimonianze, dall’editore prediletto, Andrea Livi, ai tanti politici che l’hanno conosciuta per il suo impegno dentro la Cavalcata e per i tanti incontri organizzati per parlare di storia. Da tempo usciva poco, giusto per fare la spesa. Sembravano lontani gli anni d’oro delle pubblicazioni, della vita in prima linea nel cuore di Fermo. La morte del marito, pochi mesi fa, aveva ancora di più aumentato la voglia di stare da sola, di non parlare. Eppure, chi la incontrava la ricorda come sorridente, solare, al limite dell’eccentrico, come spesso capita agli studiosi del passato.

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Pettinari: la mafia si combatte con piccoli gesti

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.