08142018Mar
Last updateMar, 14 Ago 2018 2pm

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners
VTEM Banners

Semplicemente incredibile: 50mila persone per Jovanotti e il suo RisorgiMarche. 'Grazie Neri'

jovanottirisorgi
jovaalto
lorenzoross

E più di ogni altro ha parlato del territorio, del post sisma, dell’attenzione mediatca, del fatto che questo festival RisorgiMarche è “qualcosa di importante perché la musica porta persone nei luoghi del terremoto”.

MATELICA – "Grazie per avermi invitato". Impressionante. Superato il muro dei 50mila, senza dubbio. Per gli oganizzatori erano in 70mila sul prato vicino all'abbazia di Roti. E tutti hanno superato una passeggiata lunga, sotto il sole, passando ore. Chi 5 chilometri, chi 8 perché i parcheggi erano finiti. Neri Marcorè in trionfo, ma Lorenzo Jovanotti ha battuto tutti: è sceso dalla macchina e ha fatto un pezzo di strada a piedi prima di salire sul piccolo palco in mezzo al verde. "Come state amici, tutto bene?" le prime parole di Lorenzo che ammette "è la prima volta dal 1987 che faccio un concerto di pomeriggio"

E più di ogni altro ha parlato del territorio, del post sisma, dell’attenzione mediatca, del fatto che questo festival RisorgiMarche è “qualcosa di importante perché la musica porta persone nei luoghi del terremoto”. Lo ammette, non c’era mai stato in questa zona e “oggi ho conosciuto i Sibillini. Non posso che ringraziare Marcorè”. Non si è risparmiato, ha cantato e ballato il cantante che aveva preso parte anche al progetto musicale post L’Aquila.

"Una iniziativa fantastica, quanta passione, cuore, dedizione in ognuno di voi" ha urlato. Due ore di musica, di parole di sostegno con l’Ombelico del mondo che ha fatto cantare tutti i Sibillini, facendo suonare con i suoi musicisti anche alcuni ragazzi che si erano portati la chitarra. Divertimento puro per Jovanotti che ha fatto anche suonare Marcorè con la chitarra insieme a lui. Amicizia, un ingrediente base per chi vuole far rinascere un intero territorio. Poi che Jovanotti sia speciale lo ha dimsotrato anche cambiando l'hit di Toto Cutugno: "Lasciatemi cantare, sono un marchigiano, un italiano vero" (foto Mattia Marinangeli. Foto drone profilo Instagram Jovanotti).

@raffaelevitali

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Crolla il tetto su una classe dell'Iti Montani: vigili del fuoco in azione

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.