07202018Ven
Last updateGio, 19 Lug 2018 6pm

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Le Croci si dividono: Misericordia e Cri firmano l'accordo. L'Anpas rompe con la Regione

anpasmarcheprotesta

“L’Anpas – spiega la Regione - ha condiviso la parte relativa ai contributi pregressi ed è contraria solo alle nuove modalità di rendicontazione".

FERMO – Dividi et impera. Una delle regole base per il trionfo nella storia va in scena anche in queste calde giornate marchigiane. Da una parte c’è la Regione Marche, dall’altra c’erano le pubbliche assistenze, le cosiddette Croci. Ma il fronte di chi gestisce le ambulanze si è spaccato e così oggi la Regione può guardare al futuro con più serenità dopo che Croce Rossa, Misericordia e MPA hanno firmato l’accordo per lo sblocco dei pagamenti dal 2013-2016 ad oggi dei servizi di pubblica assistenza e soccorso delle Marche. Oltre due milioni e mezzo di euro circa che l’Asur pagherà per il servizio offerto in questi anni. A non firmare l’accordo resta l’Anpas, che oggi ha protestato facendo sfilare 40 mezzi e circa 90 volontari ad Ancona. C’erano numerose Croci fermane, da Porto Sant’Elpidio a Torre San Patrizio, ma non Sant’Elpidio a Mare. “L’Anpas – spiega la Regione - ha condiviso la parte relativa ai contributi pregressi ed è contraria solo alle nuove modalità di rendicontazione. Abbiamo chiuso il 97% relativo alla vecchia partita, il restante 3% verrà erogato al termine della verifica delle singole fatture. Al momento si è concordato di pagare tutti gli importi delle fatture emesse relative al periodo 2013-2016. Si sta lavorando per consolidare le nuove modalità di erogazione del servizio ai cittadini senza penalizzare le stesse associazioni di volontariato per le quali riconosciamo il lavoro che svolgono ogni giorno per salvaguardare la salute dei cittadini”.

L’Anpas ha detto no, anche se alla base c’è stato un lungo lavoro a cui tutti i rappresentanti hanno partecipato “e che solo in fase di chiusura, presso Regione Servizio Salute, ha visto l’atteggiamento di non condivisione da parte dei rappresentanti di Anpas Marche”. Nonostante ciò, dopo l’ultimo incontro del 6 luglio, il fronte si è spaccato: “Diamo disponibilità – conclude l’Asur Marche - di riprendere in considerazione quanto stabilito nella DG ASUR 675/17 con particolare riferimento ai criteri ed alle modalità di rendicontazione. Tale criteri di rimborso saranno oggetto di monitoraggio, controllo e modifiche”.

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Crolla il tetto su una classe dell'Iti Montani: vigili del fuoco in azione

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.