07232018Lun
Last updateLun, 23 Lug 2018 9am

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners
VTEM Banners

Un documentario sul sisma e un film, le Marche giocano da protagoniste a Cannes

pieronigiannini

“Le Marche - commenta l’assessore regionale al Turismo-Cultura, Moreno Pieroni - varcano i confini nazionali attraverso i loro territori e i loro talenti autentici".

FERMO – Brillano le Marche a Cannes. Dopo li cortometraggio girato nelle zone del sisma, "Così in terra", arriva a Cannes 2018 anche un altro film che parla di Marche se non nel soggetto, nella realizzazione e collaborazione anche finanziaria. Si tratta di "La strada dei Samouni" di Stefano Savona, con le animazioni di Simone Massi, film finanziato dalla Regione Marche con un contributo di 75 mila euro nell’ambito del Por Marche Fesr 2014-2020 "Filiera cineaudiovisiva: sostegno alle imprese per lo sviluppo e la promozione del territorio e del suo patrimonio identitario culturale e turistico attraverso opere cineaudiovisive" e supportato da Marche Film Commission - Fondazione Marche Cultura.

Stefano Savona, documentarista pluripremiato in Italia e nel mondo, palermitano trapiantato a Parigi, archeologo e antropologo, che dal 1999 realizza installazioni video (tra cui 'D-Day', presentato nel 2005 al Centre Pompidou) e gli apprezzati documentari 'Primavera in Kurdistan' (2006), candidato al David di Donatello, 'Piombo fuso' (2009). Le animazioni sono di Simone Massi, uno dei più affermati animatori indipendenti italiani riconosciuto a livello internazionale per i suoi cortometraggi che hanno girato in più di 60 paesi del mondo dove hanno raccolto più di 200 riconoscimenti. Originario di Pergola e diplomato in Cinema di animazione all'Istituto statale d'arte di Urbino è anche uno degli ultimi pionieri dell'animazione: per i suoi lavori non si serve dell'uso del computer ma disegna a mano ogni singolo fotogramma.

Tornando al cortometraggio 'Così in terra', regia di Pier Lorenzo Pisano e interpretato da Roberto Citran, sarà proiettato nella sezione 'Cinéfondation', dedicata ai lavori realizzati dagli studenti di cinema di tutti i paesi del mondo. Quello marchigiano è l'unico corto selezionato per l'Italia ed è stato girato nelle frazioni di Acquasanta Terme. “Le Marche - commenta l’assessore regionale al Turismo-Cultura, Moreno Pieroni - varcano i confini nazionali attraverso i loro territori e i loro talenti autentici per restituire l’immagine di una regione che vuole investire sulle proprie eccellenze e creare effetti moltiplicatori di promozione culturale”.

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Crolla il tetto su una classe dell'Iti Montani: vigili del fuoco in azione

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.