05232018Mer
Last updateMer, 23 Mag 2018 6am

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

Iscriviti al nostro canale Youtube

Duecento famiglie in dieci piccoli comuni, la Politecnica rende smart la sanità fermana

“Smart Village è un progetto nato circa un anno fa ed oggi, con la sua presentazione pubblica, si dà inizio alla seconda fase: la sperimentazione" spiega il professor Michele Germani del Dipartimento di Ingegneria Industriale e Scienze Matematiche dell'Univpm.

sanità

FERMO - Dove non arriva l’uomo arriva la tecnologia. La base è un nuovo modo di pensare all'assistenza domiciliare per le persone non autosufficienti: ecco il Progetto Sperimentale Smart Village, presentato a Fermo dall'Università Politecnica delle Marche, dall’Ambito territoriale XIX di Fermo, dall'Asur Marche e dai Comuni del territorio fermano-maceratese che hanno aderito all'iniziativa.

Con una piattaforma web l'operatore sociale del servizio di assistenza domiciliare (Sad) metterà in contatto il paziente con il proprio medico di base, le farmacie e i servizi sanitari eventualmente necessari. L'assistenza alla persona diventa modulare e scalabile, grazie alla collaborazione tra enti diversi che, sulla base delle richieste e delle condizioni di vita della persona non autosufficiente, erogheranno servizi creati su misura per l'utente, che potrà rimanere più in salute e più a lungo presso il proprio domicilio. Per ora inizia la sperimentazione che durerà 12 mesi e coinvolgerà fino a 200 famiglie con persone non autosufficienti residenti nei Comuni aderenti: Belmonte Piceno, Falerone, Francavilla d'Ete, Massa Fermana, Monte Vidon Corrado, Monteleone di Fermo, Montappone, Servigliano, Mogliano e Petriolo.

“Smart Village è un progetto nato circa un anno fa ed oggi, con la sua presentazione pubblica, si dà inizio alla seconda fase: la sperimentazione – spiega il professor Michele Germani del Dipartimento di Ingegneria Industriale e Scienze Matematiche dell'Univpm -. Dopo aver studiato lo stato dell'arte attraverso la somministrazione di questionari a circa 1.300 anziani over 75, si sono individuate le loro maggiori necessità ed è stato possibile definire un nuovo modello, che permetterà di integrare e mettere a sistema tutti gli attori ed i servizi coinvolti nell'assistenza socio-sanitaria degli anziani, valorizzando e promuovendo l'utilizzo di tecnologie Ict. Sarà inoltre realizzata una piattaforma di aggregazione, modulare e scalabile, tra enti diversi che, sulla base delle richieste e delle condizioni di vita di una persona anziana, erogheranno servizi assistenziali creati su misura per l'utente. Smart Village, inoltre, consentirà la replicabilità del modello di assistenza socio-sanitaria, che potrà essere esportato a livello regionale, nazionale ed internazionale”.

“E’ un progetto partito dal basso - ha sottolineato il rettore di Univpm Sauro Longhi -, dalle necessità della popolazione over 75. Ma Smart Village guarda al futuro e non ha obiettivi a breve termine”. Per il direttore dell'Area Vasta Licio Livini “di fronte a bisogni complessi risulta necessario dare risposte importanti, chi è chiamato a organizzare i servizi deve tenerne conto. Smart Village è un progetto che si inserisce nella direzione dei servizi di prossimità, utilizzando strumenti innovativi”.

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Crolla il tetto su una classe dell'Iti Montani: vigili del fuoco in azione

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.