11172017Ven
Last updateVen, 17 Nov 2017 4pm

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners

Dislessia e didasculia, le nemiche dell'apprendimento. Un piano Fermano per scoprirle alle Elementari

I Dsa colpiscono il 4% della popolazione. Ma nelle Marche i casi di dislessia arrivano al 12-15% se si aggiungono quei bambini in difficoltà di apprendimento della letto-scrittura che non ricevono diagnosi e rimedi corretti.

dislessia difficoltà di lettura

FERMO – Leggere e confondere una lettera, finendo così per non capire o per faticare nella comprensione. “È essenziale che il bambino sin dai primi mesi del suo ingresso nella scuola dell’obbligo non accumuli difficoltà e lacune per permettere che le sue abilità si sviluppino e si consolidino progressivamente. Individuare precocemente bambini che sono in difficoltà di letto-scrittura consente e rafforza l’apprendimento e riduce il rischio che si comprometta l’avvio del percorso scolastico”. Vincenzo era è il direttore del distretto sanitario di Fermo ed è tra i fautori dei progetti e interventi a livello di Dsa, il Disturbo Specifico dell’Apprendimento.

Bisogna agire presto e bene, per farlo un pool è in azione perché non va mai dimenticato che l’avviamento alle abilità per la lettura e la scrittura costituisce il primo fondamentale passo che il bambino compie nel suo percorso scolastico e fornisce le basi della maggior parte degli apprendimenti successivi. “È essenziale quindi che il bambino sin dai primi mesi del suo ingresso nella scuola dell’obbligo non accumuli difficoltà e lacune per permettere che le sue abilità si sviluppino e si consolidino progressivamente.   

E’ ormai accertato che la difficoltà di apprendimento della letto-scrittura (il Disturbo Specifico dell’Apprendimento – DSA) trae origine da ritardi dello sviluppo cognitivo e del linguaggio, per cui poter individuare precocemente bambini che sono a maggior rischio di sviluppare difficoltà nell’acquisizione di queste abilità di base, consentirebbe di avviare da subito metodologie educative adeguate per facilitare gli apprendimenti e rafforzare le competenze sottostanti lo sviluppo della scrittura e della lettura, così da ridurre il rischio che venga compromesso l’avvio di un percorso scolastico positivo e proficuo.  

Dislessia e didasculia diventano il freno al corretto apprendimento. Da qui l’impegno delle Logopediste e delle Neuropsicomotriciste dell’Area Vasta 4 di Fermo che sono attive per il Percorso dell’Età Evolutiva organico al distretto. Assieme alle scuole, che effettuano il primo monitoraggio, attuano da anni uno screening nelle classi prime delle primarie per evidenziare precocemente gli alunni a rischio. Questo per poter progettare e realizzare la relativa assistenza riabilitativa, con la necessaria consulenza scolastica durante tutto il percorso delle scuole primarie.

I Dsa colpiscono il 4% della popolazione. Ma nelle Marche i casi di dislessia arrivano al 12-15% se si aggiungono quei bambini in difficoltà di apprendimento della letto-scrittura che non ricevono diagnosi e rimedi corretti e che nel percorso scolastico scivolano nel Dsa con conseguenze di abbandoni scolastici precoci. “Questo non deve avvenire, per cui – spiega la presidente della Provincia di Fermo, Moira Canigola - in accordo con l’Osservatorio Permanente sui DSA effettueremo uno screening per gli alunni che entrano nel percorso scolastico dell’obbligo, quindi alla Primaria”. Per informazioni, l’Osservatorio si trova in Provincia”. La prima tappa si è tenuta ieri con la prova di dettato: “Sono quattro i momenti che – conclude il consigliere Stefano Pompozzi – caratterizzano lo screening: il laboratorio fonologico (febbraio /maggio), la somministrazione della seconda prova di dettato (18 maggio) e della prova TRPS e, infine, il riscontro dei risultati (30 maggio)”.

@raffaelevitali 

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Terremoto, un anno dopo ho i corpi davanti agli occhi

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.