01202017Ven
Last updateVen, 20 Gen 2017 6pm

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

VTEM Banners

Allevi pianista per i terremotati, la Boldrini con le suore di Amandola e ora arriva Di Maio

boldrinicapodacqua

Di Maio: "Offro ai parlamentari un'opportunità. Si mettano gli scarponi, tolgano giacca e cravatta e vengano qui a parlare con la gente, a gestire, con vigili del fuoco e protezione civile, tutto: dell'assegnazione dei moduli abitativi alle riunioni organizzative”.

AMANDOLA – Da un lato la politica, dall’altro la fede, in mezzo la musica. Giornate intense queste delle festività per i terremotati, che si trovino sulla costa o a presidiare le case distrutte nei paesi colpiti dal sisma.

La sorpresa più bella l’ha fatta Giovanni Allevi. Durante la messa della vigilia di natale che il vescovo di Ascoli Piceno, Giovanni D’Ercole, ha celebrato a Porto D’Ascoli, un pianista riccioluto si è seduto e ha iniziato a suonare. Tra lo stupore, dopo pochi attimi, si è capito che fosse Giovanni Allevi. Il compositore e pianista ha voluto dedicare il suo Natale alle popolazioni della sua terra che hanno sofferto il dramma del sisma, e poco prima della mezzanotte, ha suonato per loro, selezionando brani che potessero esprimere dolcezza e positività. Tra questi «Back to life», ritorno alla vita, emblematico e significativo per il momento che gli abitanti di zone terremotate stanno vivendo. «Siete il più bel regalo di Natale che potessi ricevere», ha detto l'artista, circondato dall'affetto dei presenti.

Poche ore dopo, durante il pranzo di Santo Stefano a Castelsantangelo sul Nera, è arrivata invece la presidente della Camera. Per lei un incontro speciale con la badessa del convento delle Benedettine di Amandola, suor Maria Scolastica. La presidente e la religiosa si sono abbracciate: si erano conosciute nei primi giorni dopo il terremoto del 24 agosto. La terza carica dello Stato, che si trovava nelle Marche, aveva visitato immediatamente le zone colpite, tra cui Amandola e il suo ospedale inagibile oltre al convento delle Benedettine.

E domani arriva ad Amatrice Luigi Di Maio, esponente di punta del Movimento 5 Stelle. “Siamo d'accordo con lo spirito di questa iniziativa: non bastano le visite lampo e un rapido giro di incontri con le autorità o nelle zone rosse. Non bastano le passerelle o i giri in elicottero. Bisogna ascoltare con umiltà chi soccorre quelle persone da mesi, per imparare come viene gestita quotidianamente sul campo la ricostruzione. Basta vuota solidarietà. Offro ai parlamentari un'opportunità. Si mettano gli scarponi, tolgano giacca e cravatta e vengano qui a parlare con la gente, a gestire, con vigili del fuoco e protezione civile, tutto: dell'assegnazione dei moduli abitativi alle riunioni organizzative”.

r.vit.

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

L'inno dei bimbi per Mattarella

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.