03252019Lun
Last updateLun, 25 Mar 2019 4pm

facebook gplus 32 twitter  RSS icon

Iscriviti al nostro canale Youtube

Si rompe un pezzo di piattaforma dell'Eni, crolla una gru: operaio trovato morto in mare

CP 861

La gru ora è ferma a trenta metri di profondità sostenute dai cavi di tenuta della piattaforma.

ANCONA – Tragedia in mare. Un pezzo della piattaforma Barbara F della società Eni si è rotto e la gru che stava caricando un bombolone di azoto è precipitata in mare. All’interno c’era un operaio. Dopo lunghe ricerche, a circa 65 metri di profondità, Egidio Benedetto, il dipendente di 63 anni dato inizialmente per disperso, è stato trovato all’interno della cabina della gru. Purtroppo senza vita. Nella caduta le infrastrutture hanno colliso con il supply vessel, ormeggiato alle strutture della piattaforma, sul quale doveva essere posizionato la bombola di azoto, ferendo gravemente due operatori della società Bambini di Ravenna, trasportati d’urgenza presso il locale nosocomio di Torrette di Ancona mediante elicottero della società Eni sul quale erano stati preventivamente imbarcati medici del 118.

La gru ora è ferma a trenta metri di profondità sostenute dai cavi di tenuta della piattaforma. In azione motovedette della Guardia Costiera partite dal porto di Ancona e una squadra di sommozzatori dei Vigili del Fuoco, coordinati dalla Sala Operativa della Guardia Costiera di Ancona. Le operazioni proseguiranno con l’imbragatura della cabina a mezzo di un particolare mezzo in grado non solo di effettuare dei rilievi video ma anche di operare in profondità fatto pervenire da Roma dal Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco, per il sollevamento a bordo del motopontone ed il successivo trasferimento nel porto di Ancona.

VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners
VTEM Banners

Ponte di Rubbianello: cinque anni di nulla dopo il crollo

Bookmakers bonuses with www gbetting.co.uk site.